Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La Brexit è un caos senza fine. Il Parlamento a May: «Rinegozia»

La Brexit non si rinvia e lo spettro di un «no deal», una uscita catastrofica di Londra dalla Ue, si fa più vicino: perché Theresa May ha scelto di sfidare l’Europa e chiedere di rinegoziare l’accordo faticosamente raggiunto lo scorso novembre, mentre gli europei, Macron in testa, oppongono un secco no. E se a questo punto non si trova una via di uscita, il 29 marzo la Gran Bretagna casca dal precipizio.

È stata una giornata probabilmente decisiva, quella che è andata in scena ieri a Westminster. Che si è aperta con un colpo a sorpresa: la premier Theresa May ha annunciato la sua intenzione di riaprire il negoziato con l’Europa per modificare il cosiddetto «backstop», la clausola di salvaguardia per impedire un ritorno a un confine fisico fra le due Irlande.

È questo un punto particolarmente contestato dell’accordo raggiunto fra Londra e Bruxelles: perché prevede la permanenza della Gran Bretagna in un’orbita molto stretta con la Ue e dunque è avversato dai conservatori euroscettici, che ci vedono un tradimento della «vera» Brexit. È stata questa la pietra d’inciampo che ha condotto alla clamorosa bocciatura dell’accordo in Parlamento, lo scorso 15 gennaio.

La May ha spiegato di aver capito il messaggio e di essere pronta a chiedere all’Europa una modifica della clausola. Una mossa che ha ricompattato il partito conservatore alle sue spalle: infatti è stato approvato ieri sera un emendamento a sostegno dello sforzo della premier.

Ma la reazione europea è arrivata immediata: e prevedibile. L’ha espressa il presidente francese Emmanuel Macron, quando ha detto che l’accordo «non è rinegoziabile, perché è il migliore possibile». Gli europei non sono disposti a rivedere all’ultimo momento un testo che è il frutto di un anno e mezzo di difficili trattative e che contiene le migliori garanzie per preservare la pace in Irlanda.

Dunque si rischia di nuovo di trovarsi muro contro muro. E se non si raggiunge un compromesso, la Brexit avverrà in automatico senza nessun accordo: anche perché, abbastanza a sorpresa, il Parlamento ha nettamente respinto un emendamento laburista che mirava a rinviare la Brexit per evitare un no deal.

È vero che gli stessi deputati hanno poi approvato un altro emendamento che chiede di escludere il no deal: ma si tratta di un testo non vincolante per il governo, una mera intenzione che non si vede come possa essere messa in pratica.

Come ha detto sempre Macron, il no deal è una situazione «che nessuno vuole, ma per la quale ci dobbiamo tutti preparare»

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa