Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Necessaria la firma autografa

È nullo l’atto di accertamento ordinario sottoscritto con firma digitale. E’ legittima la sottoscrizione a stampa solo per gli accertamenti seriali prodotti da sistemi automatizzati per le attività accentrate. Lo hanno deciso la Ctp di Pescara con sentenza 596/01/2018 depositata il 25/9/2018 e la Ctp di Chieti con sentenza 340/03/2018 depositata il 26/09/2018. Venivano impugnati due avvisi di accertamento rispettivamente:Ires, Irap ed Iva emesso dall’Agenzia delle Entrate; Imu del comune di Torrevecchia. L’elemento comune ai giudizi è la richiesta di annullamento degli accertamenti, sottoscritti digitalmente, per inesistenza della sottoscrizione, in violazione dell’art 42, comma 3, dpr 600/73. La sottoscrizione digitale è stata ritenuta inesistente dai giudici di merito, con nullità che travolge l’intero atto. Gli accertamenti d’ufficio ordinari o in rettifica sono nulli se non recano sottoscrizione autografa. Si tratta di nullità-inesistenza, quindi, insanabile. L’atto non sottoscritto è come se non fosse mai esistito (tamquam non esset). I due collegi hanno ritenuto l’atto con sottoscrizione digitale, privo di firma, basando la pronuncia su due argomenti decisivi: 1) per gli atti antecedenti all’1 luglio 2017 (data di entrata in vigore del codice amministrazione digitale) è consentita la sottoscrizione digitale, ma limitatamente agli atti seriali, centralizzati e stampati dal centro meccanografico del fisco, secondo l’art. 15, c. 7, decreto legge 78/2009; 2) a far data dall’1/7/17 è consentita la firma digitale sui documenti informatici trasmessi con pec, salvo gli accertamenti relativi ispezioni e controlli fiscali, per i quali l’art. 2 del dlgs n 82/2005 vieta l’applicazione delle norme Cad. Pertanto, ai sensi dell’art 42, comma 3, dpr 600/73, si tratta di inesistenza giuridica, che rende l’atto insanabile in virtù dell’art 21 septies, legge 241/90, non ravvisandosi un mero difetto di sottoscrizione, sanabile (c.d. sottoscrizione illeggibile o difetto di delega); bensì l’assenza totale di sottoscrizione. Entrambi i giudizi hanno accolto i ricorsi con le motivazioni sopra richiamate.

Francesco Rubera

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa