Siete qui: IusTrend
IusTrend

IusTrend n. 11/2015 – La memoria infinita della rete: pregio o difetto?

Se si traccia la storia del diritto all’oblio attraverso la lettura delle sentenze di merito e legittimità più significative dagli Anni 50 ad oggi, si nota come tale istituto sia emerso lentamente da una costola del diritto alla riservatezza, a sua volta espresso nelle carte fondamentali del secolo scorso maturate dalle istanze costituzionali settecentesche di stampo universale.

Consacrato nel 1993 dopo una lunga gestazione presso le corti di merito, il droit à l’oubli (così definito dalla prima dottrina d’oltralpe nel 1962 nel caso Landru) è andato assumendo caratteri ben definiti.

Print Friendly
Scarica il pdf

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
IusTrend

L’introduzione del processo civile telematico ha rivoluzionato le abitudini di avvocati e funziona...

IusTrend

IusTrend

Con la L. n. 3 del 2012 il legislatore, al fine di porre rimedio a tutte quelle situazioni di indebi...

IusTrend

IusTrend

Velocità ed efficienza sono i principi cardine che dovrebbero guidare l’attività di recupero dei...

IusTrend