Siete qui: IusTrend
IusTrend

IusTrend n.13/2013 – Inesatta qualificazione giuridica della segnalazione in c.r.b.i. e deposito non tempestivo del ricorso d’urgenza non integrano gli estremi del periculum

L’intervento di un recentissimo ed ulteriore provvedimento di accoglimento emesso in sede di reclamo ex art. 669 terdecies c.p.c. in favore di una della società finanziarie Clienti dello Studio, definisce i contorni dei limiti di operatività di due diversi tipi di segnalazioni in Centrale Rischi, marcando così la dicotomia esistente tra segnalazione “a sofferenza” e segnalazione per “sconfinamento”, non senza, peraltro, evidenziare come, nel caso in cui il deposito del ricorso ex art. 700 c.p.c. intervenga solo successivamente, in ordine temporale, alla cancellazione della segnalazione dalla Centrale rischi della Banca d’Italia, il rimedio cautelare invocato non possa integrare minimamente gli estremi del periculum ai fini della tutela cautelare invocata.

Print Friendly
Scarica il pdf

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
IusTrend

L’introduzione del processo civile telematico ha rivoluzionato le abitudini di avvocati e funziona...

IusTrend

Con la L. n. 3 del 2012 il legislatore, al fine di porre rimedio a tutte quelle situazioni di indebi...

IusTrend

IusTrend

Velocità ed efficienza sono i principi cardine che dovrebbero guidare l’attività di recupero dei...

IusTrend