08.11.2022 Icon

È rilevante la convivenza prematrimoniale per determinare l’assegno divorzile? La Parola alle Sezioni unite

Nell’ambito di un divorzio giudiziale il Tribunale prima e la Corte d’Appello poi avevano determinato l’ammontare dell’assegno divorzile dovuto dal marito alla moglie tenendo in considerazione la disponibilità economica dell’uomo e la durata del matrimonio, escludendo dal computo il periodo di convivenza more uxorio vissuto dalla copia prima di legalizzare l’unione. 

I giudici di merito si erano infatti attenuti al dato letterale dell’art. 5 della L. 898 del 1970 senza dare alcun rilievo al periodo antecedente al formale coniugio, protrattosi per sette anni e caratterizzato da una stabilità affettiva oltre che dall’assunzione spontanea di reciproci obblighi di assistenza.

Avverso la pronuncia della Corte d’Appello ricorreva per cassazione Tizia. 

La Corte di Cassazione ha osservato che la convivenza prematrimoniale è un fenomeno di costume che è sempre più radicato nei comportamenti della nostra società cui si affianca un riconoscimento dei legami di fatto intesi come formazioni familiari e sociali di tendenziale pari dignità rispetto a quelle matrimoniali. 

Partendo da questo presupposto, i giudici di legittimità hanno affermato che il riconoscimento di una certa sostanziale identità, dal punto di vista della dignità sociale, tra i due fenomeni di aggregazione affettiva, sotto alcuni punti di vista, rende meno coerente il mantenimento di una distinzione tra la durata legale del matrimonio e quella della convivenza. 

A parere della Corte, dunque, non è dissimile la possibilità di tenere conto anche del periodo di convivenza ai fini della determinazione dell’assegno divorzile. 

Sulla base delle seguenti considerazioni e tenuto conto della lacuna normativa, la Corte ha ritenuto di dover rimettere la causa alle Sezioni Unite per la soluzione ritenendo la questione di particolare importanza. 

Cassazione Civile, sez. I, 18.10.22, n. 30671

Autore Ilaria Franciosa

Associate

Milano

i.franciosa@lascalaw.com

Desideri approfondire il tema Persone e Famiglia ?

Contattaci subito