02.04.2024 Icon

Bonifico istantaneo: semaforo verde al nuovo Regolamento UE

Il Consiglio dell’UE ha emanato il nuovo Regolamento Europeo n. 2024/886 del 13 marzo 2024, noto come Instant Payment Regulation (IPR), volto a garantire la piena disponibilità dei bonifici istantanei in euro per i consumatori e le imprese nell’Unione Europea e nei paesi del SEE (Spazio Economico Europeo).

Il bonifico istantaneo in euro rappresenta un recente servizio di pagamento, introdotto nel mercato grazie all’adozione del Regolamento UE n. 260/2012 che ha istituito l’area unica dei pagamenti in euro (single euro payments area – SEPA), la quale necessita di costante aggiornamento per adeguarsi alla continua evoluzione del mercato dei pagamenti.

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea in data 19 marzo 2024, il Regolamento (UE) 2024/886 modifica i precedenti regolamenti (UE) n. 260/2012 e 2021/1230 e le antecedenti direttive europee n. 98/26/CE e (UE) 2015/2366 emanate in materia, con l’obiettivo di introdurre un quadro normativo uniforme per i bonifici istantanei transfrontalieri, aumentandone la diffusione e riducendo la dipendenza da infrastrutture e istituti finanziari di paesi terzi.

Ne deriva, per l’appunto, l’inclusione degli istituti di pagamento e di moneta elettronica nell’elenco delle entità soggette alle prescrizioni del presente regolamento modificativo così da agevolare la diffusione e l’utilizzo dei bonifici istantanei in euro in modo efficiente e competitivo.

L’esigenza di armonizzare la disciplina regolamentare del bonifico istantaneo nasce dalla persistente frammentazione del mercato interno, caratterizzato da soluzioni normative nazionali differenti tra loro, che ne ostacolano l’integrità, causando un aumento dei costi e complicando l’esecuzione dei pagamenti transfrontalieri.

Difatti, nei mercati nazionali in cui sono state applicate commissioni più elevate per i bonifici istantanei in euro rispetto a quelle previste per altre tipologie di bonifici, si è verificata una scarsa diffusione di tale sistema di pagamento con la conseguente necessità di imporre un limite minimo alle commissioni che non dovranno essere superiori a quelle già adottate per i bonifici standard.

Ebbene, la novella regolamentare mira a creare un mercato integrato di pagamenti istantanei al fine di assicurarne il corretto funzionamento. Le singole operazioni, dunque, saranno disciplinate conformemente da regole standard e protocolli comuni che ridurranno le commissioni e anticiperanno i tempi di esecuzione, migliorando la visibilità dei trasferimenti nonché l’accesso ai fondi all’interno dell’area SEPA.

Le nuove misure, dunque, sono volte principalmente a migliorare l’efficienza e la rapidità dei pagamenti, senza tralasciare la sicurezza dei trasferimenti monetari. In merito all’immediatezza del trasferimento dei fondi, basti pensare che tutti i prestatori di servizi di pagamento (“PSP”) dovranno rendere disponibile ai clienti ventiquattro ore su ventiquattro, sette giorni su sette il servizio di bonifico istantaneo, garantendo la rapidità delle transazioni e l’immediata disponibilità dei fondi per il beneficiario.

In conclusione, il traguardo prestabilito dall’UE con l’emanazione del nuovo Regolamento è indirizzato alla completa eliminazione degli ostacoli connessi all’esecuzione e alla ricezione dei bonifici istantanei, stabilendo norme uniformi a livello unionale, in virtù del principio di sussidiarietà sancito dall’articolo 5 del trattato sull’Unione europea, che possano consentire una larga diffusione del sistema di pagamento con relativi vantaggi e incrementi di efficienza economica per gli utilizzatori.

Autore Marco Tafuro

Associate

Torino

m.tafuro@lascalaw.com

Desideri approfondire il tema Contratti Bancari ?

Contattaci subito

Autore Eleonora Pirri

Associate

Torino

e.pirri@lascalaw.com