Biblioteca / Nuovi Acquisti

Un lotto di testi “illuministi”, in dono dall’ Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

Editore: Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

In occasione dell’evento che La Scala dedicherà il 30 Ottobre prossimo all’avvio della sua practice penale (affidata all’ Avv. Fabrizio Manganiello) e ai 250 anni dalla prima edizione del “Dei Delitti e delle Pene” di Cesare Beccaria, l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli ha donato alla Biblioteca dello Studio una piccola raccolta di testi di argomento illuminista, pubblicati negli ultimi anni.
Innanzitutto un edizione del “Dei Delitti e delle Pene” con una postfazione di Luigi Ferrajoli.

Quindi - sempre sull’opera di Beccaria – l‘importantissimo testo di Raffaele Sbardella “Beccaria/Dei/Delitti e delle/Pene/Con/Note” dedicato al caso della note autografe attribuite al Beccaria su una copia della mitica quinta edizione livornese del 1776 con il falso luogo di stampa “Lausanna”.

E ancora:

una antologia di testi di Beccaria e Kant sulla pena di morte;

“La Scienza della Legislazione” di Gaetano Filangieri;

il “Piano Ragionato” di detta opera, con una nota di Gerardo Marotta;

il catalogo della mostra “Gaetano Filangieri - Lo Stato secondo ragione” promossa già nel 1989 a Napoli e della quale una nuova edizione è attualmente visibile a Palazzo Serra Cassano (sede dell'Istituto) fino alla fine dell’anno.

L’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici è una delle istituzioni culturali più attive e importanti d’Italia e il suo patrimonio librario è uno dei più importanti del mondo.

Ciò nonostante sia da anni in gravi difficoltà economiche, ennesima vittima della incapacità italiana (e meridionale, soprattutto, di difendere e valorizzare i suoi straordinari tesori).

Non le mancherà il nostro sostegno e la nostra concreta gratitudine.

 

 

Print Friendly

Condividi su