Attento a come quereli, il falso va provato!

Vincolo di solidarietà: la risposta è sempre nel contratto

E’ questa la conclusione alla quale è giunto il Giudice di Pace di Lucca investito di un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, vinto di recente da una società finanziaria assistita dallo studio.

La difesa dell’attore opponente poggiava sulle seguenti considerazioni: “…dalla lettura del contratto prodotto in atti non era possibile comprendere quale sia il titolo o la fonte dell’obbligazione assunta dal […omississ…] alla restituzione dell’importo finanziato dalla convenuta opposta alla […omississ…] né quale vincolo solidale vi sarebbe tra detti soggetti – nessuna fideiussione era stata rilasciata – non vi era una chiara ed univoca manifestazione di volontà del […omississ…] di impegnarsi personalmente a rimborsare eventuali somme non restituite dalla […omississ…] srl debitore principale – nullità di eventuale clausola ex art. 1375 c.c. e disposizione titolo VI TUB in materia di trasparenza bancaria e credito al consumo – nullità della clausole vessatorie”.

Il Giudice di Pace, tuttavia, ha rilevato che: “Dalla lettura del documento contrattuale, condizioni contrattuali, si dimostra in modo chiaro che […omississ…] si sia impegnato, in via solidale con la società rappresentata, alla restituzione dell’importo finanziato. Nella parte condizioni contrattuali la firma di  […omississ…] è apposta sia sul timbro dell’azienda, apposto nello spazio dedicato “timbro dell’azienda e firma del legale rappresentante”, che nello spazio “firma coobbligato”. La responsabilità del coobbligato viene poi richiamata anche nelle condizioni generali all’art. 3…”.

Dunque, conclude il Giudice di Pace, è evidente che al momento della richiesta del finanziamento da parte dell’obbligata principale (società), il legale rappresentante si fosse impegnato in qualità di coobbligato.

Ragion per cui, lo stesso “neppure poteva eccepire le garanzie del consumatore (persona fisica) e se aveva dubbi ben poteva consultarsi magari con il proprio commercialista prima di sottoscrivere il contratto”.

Giudice di Pace di Lucca, 23 maggio 2016, n. 566 (leggi la sentenza)

Francesco Conciof.concio@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
La sentenza Lexitor non sposta i termini della decisione

Il Tribunale di Catania offre degli spunti interessanti in tema di onere della prova e usura, chiare...

Credito Al Consumo

Comunione legale, finché pignoramento non ci separi

Una volta verificatosi l’inadempimento, l’unico tasso d’interesse di mora rilevante ai fini de...

Credito Al Consumo

European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Il Tribunale di Pescara ha fornito un utile chiarimento sulla corretta qualificazione del TAEG. I...

Credito Al Consumo

X