Diritto dell'Esecuzione Forzata

Usurarietà bancaria: differenza ontologica tra interessi corrispettivi e moratori

Tribunale di Venezia, 15 ottobre 2014, n. 2163 (leggi la sentenza)

La pronuncia in commento pone nuovamente l’accento sulla corretta interpretazione della disciplina dettata in tema di nullità della clausola determinativa degli interessi.

Nel caso specifico i mutuatari avevano richiesto la declaratoria di nullità ex art. 1815, secondo comma, c.c., dell’intera clausola relativa agli interessi, nonostante ad essere stati asseritamente pattuiti oltre la soglia fossero solo gli interessi di mora, peraltro mai applicati nel corso del rapporto in esame in quanto lo stesso si era estinto anticipatamente con il pagamento integrale del debito.

I Giudici del Tribunale di Venezia, pur ribadendo che l’art. 1815 c.c. consente la dichiarazione di nullità, e la conseguente caducazione di una clausola che preveda interessi usurari per il solo fatto della semplice pattuizione, a prescindere da un’applicazione in concreto, hanno precisato che tale disciplina non può, tuttavia, essere intesa nel senso di prevedere la nullità di ogni clausola relativa ad altri e diversi interessi (disciplinati da autonoma e distinta clausola contrattuale), quali, ad esempio, gli interessi convenzionali, che non siano usurari.

Sulla scorta di tale rilievo il giudice di merito ha chiarito la differenza ontologica e funzionale tra interessi corrispettivi e moratori da considerarsi come afferenti a diverse ed autonome funzioni; nello specifico, mentre i primi remunerano il capitale preso a prestito, i secondi predeterminano il risarcimento per un potenziale inadempimento.

Ne deriva quindi che qualora l’usurarietà oggettiva investa solo la misura degli interessi di mora, la nullità ex art. 1815, secondo comma, c.c. non si estende alla clausola determinativa del tasso corrispettivo se pattuita entro i limiti del tasso soglia

Il Tribunale ha quindi concluso per il rigetto delle domande formulate ritenendole infondate.

2 dicembre 2014

Laura Pelucchi – l.pelucchi@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Attento a come quereli, il falso va provato!

È stato affermato che, all’interno di un giudizio di accertamento dell’obbligo del terzo pignor...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

L’inerzia dell’aggiudicatario paga!

Con l’approvazione della legge di Bilancio 2020, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre 2...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

Cari Lettori, come anticipato nel nostro contributo Flash del 4 gennaio scorso, è entrato in vig...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

X