Il Manuale Utente delle comunicazioni oggettive

Usura: valide le istruzioni della Banca d’Italia

Sottoponiamo all’attenzione dei nostri lettori, una recentissima pronuncia del Tribunale di Monza che, fra le diverse tematiche trattate, tocca anche quella relativa all’addebito di interessi in misura usuraria, con particolare riferimento alla relativa metodologia di calcolo.

In particolare, il giudice di prime cure ha evidenziato l’inattendibilità dei conteggi operati dal consulente di parte nella perizia allegata all’atto di citazione in opposizione a decreto ingiuntivo e fondanti le pretese versola banca convenuta. Detti conteggi, si legge in sentenza, utilizzano “formule di calcolo diverse rispetto a quella contenuta nelle Istruzioni della Banca d’Italia”.

Pur prendendo atto dei precedenti giurisprudenziali in argomento (in particolare in sede penale), secondo cui dette Istruzioni non costituirebbero fonte di diritto e potrebbero essere disapplicate dal giudice, il Tribunale di Monza ha ritenuto di condividere l’orientamento (consolidato) del Tribunale di Milano (tra cui sentenza n. 7234 del 03.06.2014) che a dette Istruzioni ha riconosciuto “natura di norme tecniche autorizzate”.

Il magistrato testualmente ha affermato che “ se è pur vero che il giudice non sia vincolato al rispetto delle Istruzioni della Banca d’Italia quali fonti di diritto, tuttavia, occorre considerare che, tenuto conto della complessiva struttura della disciplina antiusura e del peculiare ruolo in essa attribuito a dette Istruzioni, un eventuale calcolo del TEG applicato di volta in volta secondo differenti formule matematiche,oppure computando oneri diversi, rispetto a quanto indicato da Banca d’Italia,  rischierebbe di compromettere la certezza della normativa di settore e la prevedibilità delle decisioni giudiziarie, con ulteriori conseguenze negative circa la possibilità degli operatori economici di effettuare ponderate e consapevoli scelte contrattuali e di mercato.

La pronuncia in commento si inserisce, pertanto, nel solco dell’ormai copiosa giurisprudenza che afferma l’inammissibilità, in tema di verifica dell’usurarietà di un contratto bancario, dell’utilizzo di formule differenti da quelle dell’Organo di Vigilanza.

Tribunale Monza, 20 luglio 2016,  n. 2205

Paola Maccarronep.maccarrone@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Il ricorrente si era visto negare un finanziamento necessario all’acquisto di un immobile per via ...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

La spedizione per posta ordinaria di un assegno, ancorché munito di clausola di intrasferibilità, ...

Contratti Bancari

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

“In materia di cessione dei crediti in blocco, eseguita tramite cartolarizzazione, deve escludersi...

Contratti Bancari

X