Accertamento dell’insolvenza: fatti diversi…sentenza diversa!

Tassativo l’ambito di non applicazione dell’art. 169 bis l.f.

La mancata inclusione dei contratti bancari nel quarto comma dell’art. 169 bis l.f. indica senza alcun margine di dubbio che le disposizioni inserite dal primo comma sono applicabili anche ad essi.

La Corte d’Appello di Brescia ha rigettato il reclamo proposto da diverse banche avverso lo scioglimento – ex art. 169 bis l.f. – dei contratti bancari stipulati fra loro e la società in concordato preventivo in continuità.

“Lo scioglimento del contratto principale, invero, ha quale ineludibile conseguenza anche quella di tutti i patti accessori ad esso collegati, sicché, nel momento in cui si scioglie il rapporto di credito bancario, anche il patto di compensazione, a quello accessorio, viene meno”; tale scioglimento, oltre ad operare per l’erogazione di ulteriori anticipazioni, si estende, inoltre, alle anticipazioni già effettuate.

Secondo il principio esposto, viene pertanto esclusa l’applicazione della compensazione al concordato preventivo, senza, tuttavia, andare contra legem, “è invero lo stesso articolo 169 bis l.f. che, nel prevedere la autorizzazione del debitore a sciogliersi dai contratti ancora ineseguiti o non compiutamente eseguiti, legittima altresì lo scioglimento anche di tutti i patti a quelli accessori, tra cui quello di compensazione”.

Così deciso, la Corte ha rigettato il reclamo avverso lo scioglimento dei contratti bancari; infatti, pur nutrendo dubbi circa l’applicabilità dell’art. 169 bis l.f. ai concordati con riserva, non ne ha mostrati, diversamente, per la decisione del caso di specie.

Corte d’Appello di Brescia, 1 giugno 2016 (leggi la sentenza)

Riccardo Abbagnato – r.abbagnato@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Sempre caldo è il tema dell’entrata in vigore del nuovo codice della crisi e dell’insolvenza. ...

Crisi e procedure concorsuali

Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

Nel caso in cui il sovraindebitato modifichi sostanzialmente il piano dei pagamenti approvato con il...

Crisi e procedure concorsuali

Not in my name: il falsus procurator di società di capitali

Con un “doppio colpo”, la Corte di Cassazione risponde a due domande chiave. Il provvedimento...

Crisi e procedure concorsuali

X