Diritto Processuale Civile

Tardiva notifica del decreto ingiuntivo e rimessione in termini

Trib. Varese, 4 ottobre 2012 (leggi la sentenza per esteso

Con sentenza del 4/10/2012, il Tribunale di Varese ha osservato che l’art. 153 c.p.c. (a norma del quale, chi dimostra di essere incorso in decadenze per causa non imputabile, può chiedere al Giudice di essere rimesso in termini) si applica a tutti i termini processuali, ivi compreso quello di cui all’art. 644 c.p.c.

Ne consegue che il creditore, che non abbia potuto procedere alla notificazione del decreto ingiuntivo in modo tempestivo, per causa allo stesso non imputabile (ovvero per una circostanza non evitabile con la normale diligenza), ha diritto ad ottenere la remissione in termini.

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

Affinché un capo di sentenza possa ritenersi validamente impugnato, non è sufficiente che nel grav...

Diritto Processuale Civile

La rivincita del promissario acquirente

L’effetto processuale del mancato deposito di note scritte per l’udienza cartolare equivale alla...

Diritto Processuale Civile

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

La Cassazione con un'ordinanza depositata il 2 settembre 2020 ha ribadito, quanto già sostenuto con...

Diritto Processuale Civile

X