Diritto dell'Esecuzione Forzata

Sul contratto di mutuo soggetto a “variabile esterna”

Cass., Sez. III Civile, 13 maggio 2014, n. 18325 (leggi la sentenza per esteso)

La Corte di Cassazione, Sez. III Civile, con la sentenza del 13 maggio n. 18325/14 pubblicata il 27 agosto ha espresso due importanti principi:

a)      il contratto di mutuo è pienamente valido ed efficace anche se l’istituto di credito erogante abbia reperito la provvista a mezzo di un istituto straniero;

b)      l’iscrizione d’ipoteca è valida anche se registrata per un importo superiore a quello erogato.

Il fatto. Il caso in esame riguarda l’opposizione all’esecuzione immobiliare proposta dal debitore contro la banca erogante, la quale aveva intrapreso le azioni volte al recupero del proprio credito sulla scorta del contratto di mutuo fondiario garantito da ipoteca.

Il debitore deduceva la nullità tanto del contratto di mutuo, che dei successivi atti di erogazione e quietanza, lamentando indeterminatezza dell’oggetto e difetto di forma ai sensi degli artt. 1418 e 1325 n 4 c.c.; ciò in quanto l’istituto erogante, al fine di procurarsi la provvista, aveva a sua volta stipulato un contratto con un istituto di credito estero. In sostanza l’opponente asseriva di non essere mai stato in possesso di detta documentazione, peraltro dallo stesso non sottoscritta al momento della stipula del contratto di mutuo.

Il Giudice di prime cure giungeva a ritenere i due atti negoziali – contratto di mutuo e atto di erogazione e quietanza – del tutto estranei all’atto con il quale la banca si era procurata la provvista; quindi perveniva alla conclusione che potevano ritenersi comunque ben definiti tra le parti, e per iscritto, tutti gli elementi essenziali del mutuo, quali l’oggetto, la somma erogata, le modalità e tempi di restituzione, la misura degli interessi. La naturale conseguenza di questa valutazione era il rigetto di questo motivo di opposizione, alla luce di una valutazione di irrilevanza circa le modalità con cui la banca aveva reperito le risorse finanziarie utilizzate per l’erogazione.

Tale decisione viene condivisa dalla Corte di Cassazione, secondo la quale il mutuo redatto per iscritto garantisce la corretta individuazione dell’oggetto e dell’accordo tra banca e cliente. Secondo il suo orientamento in materia di contratti bancari, la semplice menzione di un contratto esterno a quello di mutuo non ne determina il suo automatico recepimento: perché di recepimento possa discorrersi, sarà necessario che  le parti esprimano una volontà conforme al contenuto del diverso contratto, ovvero una volontà capace di far scaturire effetti che provengano direttamente dal contratto ulteriore.

Il debitore, con l’opposizione proposta, eccepiva anche la violazione dell’art. 2809 c.c. discorrendo di nullità dell’iscrizione ipotecaria. Tale nullità sarebbe stata cagionata a suo dire dall’indeterminatezza dell’importo garantito. Secondo quanto prospettato dall’opponente, a parte il capitale erogato, gli interessi sarebbero stati determinati solo in via provvisoria per via del tasso variabile applicato, nonché per l’eventuale verificarsi del rischio di cambio; rappresentava, quindi, una possibile conseguente estensione della garanzia ipotecaria a crediti futuri, non determinati nell’ammontare al momento dell’iscrizione della stessa.

La Cassazione rigetta anche questa doglianza, non ritenendo sussistente la violazione del principio di specialità che informa l’art. 2809 c.c.; invero, attraverso la lettura combinata degli artt. 2852 e 2855 c.c.,  la garanzia ipotecaria è riferibile non soltanto a crediti già esistenti, ma anche a crediti futuri, purchè dipendenti da rapporti già esistenti (cfr. Cass. nn. 2786/94, 17886/11, 25412/13); in tal modo si estende la validità della garanzia anche alle  somme  dovute dal mutuatario per una obbligazione scaturente dal “rischio di cambio”, per cui è assolutamente legittima l’iscrizione ipotecaria effettuata dall’istituto bancario per un importo superiore a quello erogato.

5 settembre 2014

(Antonino Sanzone – a.sanzone@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

Il Tribunale di Udine si è pronunciato sull’inopponibilità al creditore pignorante della trascr...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Attento a come quereli, il falso va provato!

Con una recente ordinanza, la Suprema Corte ha chiarito quali possano essere le conseguenze derivant...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

L’inerzia dell’aggiudicatario paga!

“La sospensione dei termini di cui all’art. 83 d.l. 18 del 2020 non incide direttamente sulle ...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

X