L'indennità di occupazione è percepita dal Custode giudiziario

Sul concetto di divisibilità dei beni in comunione

La Cassazione ha affermato che il concetto di comoda divisibilità di un immobile a cui fa riferimento l’art. 720 cod. civ. postula, sotto l’aspetto strutturale, che il frazionamento del bene sia attuabile mediante determinazione di quote concrete suscettibili di autonomo e libero godimento che possano formarsi senza dover fronteggiare problemi tecnici eccessivamente costosi e, sotto l’aspetto economico – funzionale, che la divisione non incida sull’originaria destinazione del bene e non comporti un sensibile deprezzamento del valore delle singole quote rapportate proporzionalmente al valore dell’intero, tenuto conto della normale destinazione ed utilizzazione del bene stesso.

D’altra parte e, al contrario, come è stato già detto da questa Corte (Cass. n. 14577 del 21/08/2012) in materia di divisione giudiziale, la non comoda divisibilità di un immobile, può ritenersi legittimamente sussistente solo quando risulti rigorosamente accertata la ricorrenza dei suoi presupposti, costituiti dall’irrealizzabilità del frazionamento dell’immobile, o dalla sua realizzabilità a pena di notevole deprezzamento, o dall’impossibilità di formare in concreto porzioni suscettibili di autonomo e libero godimento, tenuto conto dell’usuale destinazione e della pregressa utilizzazione del bene stesso.

Cass., Sez. VI, 13 luglio 2016, n. 14343

Walter Pirracchiow.pirracchio@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
L’assenza di preventivo non esclude il diritto al compenso dell’avvocato

La Cassazione è tornata ad occuparsi dell’annosa e sempre complicata questione della debenza da ...

Persone e Famiglia

Vado a stare da papà

La riduzione dell’attività lavorativa causata dalla pandemia e il conseguente calo del fatturato ...

Coronavirus

Nel caso di un soggetto che abbia erogato il denaro per l’acquisto di un immobile in capo ad uno d...

Persone e Famiglia

X