L’inerzia dell’aggiudicatario paga!

Sospensione degli sfratti? Non si applica alle procedure esecutive immobiliari

Con l’ordinanza in commento, il Tribunale di Mantova, conformandosi alle pronunce di altri fori, ha ritenuto che la sospensione dei procedimenti di sfratto prevista dalla decretazione d’urgenza non possa trovare applicazione in relazione alle procedure esecutive immobiliari.

Nel caso di specie, i debitori esecutati hanno proposto opposizione agli atti esecutivi avverso il decreto di trasferimento, ritenendo sussistenti i presupposti, da un lato, per sospendere la procedura ai sensi dell’art. 54 ter del decreto-legge n. 18/2020 e, dall’altro, per sospendere quanto meno la liberazione dell’immobile.

In relazione al primo profilo, il Giudice dell’Esecuzione, rigettando la domanda, ha evidenziato come l’immobile pignorato non costituisse l’abitazione principale dei debitori. Dalla documentazione depositata nel fascicolo dell’esecuzione, infatti, risultava che gli stessi avessero già trasferito in passato altrove la propria residenza.

Allo stesso modo, anche la richiesta di sospendere la liberazione del cespite pignorato è stata rigettata dal Giudice il quale ha rilevato come nel caso di specie non potesse trovare applicazione il disposto di cui all’art. 103 del decreto-legge n. 18/2020 nel testo attualmente vigente.

A tal proposito, il Giudice dell’Esecuzione rileva che l’art. 17 bis del decreto-legge n. 34/2020 convertito con legge n. 77/2020, nell’intento di chiarire l’esatto ambito di applicazione della norma (che, nella originaria stesura, ha dato luogo ad applicazioni contrastanti in giurisprudenza), ha previsto il mero differimento al 31.12.2020 dell’esecuzione degli sfratti degli immobili adibiti a uso abitativo e non abitativo ma, come risulta dalla rubrica della stessa disposizione e come si evince dagli parlamentari, la norma in questione non contiene riferimenti alle esecuzioni immobiliari.

Su tali presupposti, dunque, il Tribunale di Mantova, attenendosi al tenore letterale della norma, ha rigettato l’opposizione proposta dai debitori.

Trib. Mantova, ordinanza del 20.08.2020

Mirko La Cara – m.lacara@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

Cari lettori, come noto lo scorso 21 settembre il Senato ha approvato il maxiemendamento present...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

La rivincita del promissario acquirente

Quando è scaduto il termine per introdurre la fase di merito all'opposizione esecutiva, la parte p...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Il deposito cauzionale equivale a consegna materiale

La Corte di Cassazione ha osservato che l’inottemperanza al termine fissato dal giudice dell’es...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

X