L’interesse è concreto. Se non ripeti, che interesse c’è?

Società di persone: il potere di rappresentanza alla luce dell’oggetto sociale

L’ampiezza dei poteri degli amministratori di società di persone deve essere verificata unicamente alla luce del dato formale dell’oggetto sociale, non potendosi imporre al terzo l’onere di verificare – in concreto – la strumentalità dell’atto compiuto dagli amministratori rispetto l’oggetto sociale, accertamento che, di per sé, sarebbe estremamente arduo.

Questo è quanto ha statuito la Corte di Cassazione con una recente sentenza sentenza, così superando il proprio precedente principio espresso con sentenza n. 25409 del 12 dicembre 2016 e confermando, invece, l’orientamento espresso con sentenza n. 4774 del 14 maggio del 1999.

Nel caso specifico, una s.a.s. aveva proposto opposizione contro un decreto ingiuntivo richiesto ed ottenuto da un istituto di credito per il pagamento di una somma di denaro dovuta da una società in favore della quale la s.a.s. si era costituita fideiussore.

In primo grado, la fideiussione era stata dichiarata inefficace, in quanto – pur essendo stato menzionato l’atto nell’oggetto sociale – non vi era alcuna evidenza della strumentalità della garanzia rispetto all’oggetto sociale.

In sede di appello proposto dalla banca, invece, era stata accertata la validità ed efficacia della garanzia fideiussoria, in quanto la mera indicazione della possibilità di rilasciare fideiussioni nell’oggetto sociale era reputato elemento sufficiente ad accertare l’efficacia della garanzia nei confronti dei terzi, senza dover ricorrere ad alcuna indagine, da parte di questi ultimi, in ordine alla coerenza dell’operazione con l’interesse della società.

La Corte di Cassazione, con la sentenza in commento ha statuito che la sentenza di appello appare “coerente col dettato dell’art. 2298 c.c., che evidenzia la necessità di fare riferimento all’oggetto sociale, fatte salve le limitazioni risultanti dall’atto costitutivo o dalla procura (semprechè siano iscritte nel registro delle imprese o siano comunque provate conosciute dai terzi), con ciò mostrando di considerare rilevante il dato oggettivo della previsione dell’atto nell’oggetto sociale, senza suggerire la necessità di un accertamento caso per caso della sua effettiva strumentalità rispetto a tale oggetto; nell’ottica di un bilanciamento fra le ragioni della società e quelle dell’affidamento dei terzi, tale norma riconosce dunque rilievo preminente al dato della formale indicazione dell’atto nell’oggetto sociale, senza rimandare ad una verifica in concreto della strumentalità, mediante un accertamento che sarebbe decisamente arduo per il terzo e che introdurrebbe elementi di persistente incertezza circa l’efficacia di singoli atti, pur astrattamente previsti nell’oggetto sociale”.

Da considerare, infine, che la Corte ha chiarito anche che, proprio per tali ragioni, “deve peraltro precisarsi, sempre nell’ottica dell’equo bilanciamento sopra indicato, che, a fronte di un’espressa previsione statutaria che contempli un atto fra quelli consentiti a chi abbia la rappresentanza di una società di persone, non dovrà essere il terzo a dimostrare l’effettiva pertinenza dell’atto all’oggetto sociale, ma potrà essere la società a provare – con onere a suo carico – che, a prescindere dalla formale previsione, l’atto compiuto è estraneo all’oggetto sociale.

Cass., Sez. III, 8 luglio 2020, n. 14254 

Maria Giulia Furlanetto – m.furlanetto@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

In base ai principi generali (art. 1372, 1373 c.c.), una volta che l’assemblea ha riconosciuto all...

Corporate

European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Il Tribunale di Milano, con una recente sentenza, ha stabilito che nel caso in cui un amministratore...

Corporate

L'indennità di occupazione è percepita dal Custode giudiziario

Il Tribunale di Milano, con una recente sentenza, ha stabilito che, qualora ad una proposta irrevoc...

Corporate

X