Vigilanza

Sistemi di remunerazione delle banche: comunicazione per l’estensione della raccolta dati sui compensi

Dopo le comunicazioni di novembre dello scorso anno, Banca d’Italia pubblica una nuova comunicazione con la quale:

–        estende l’attività di benchmarking alle banche e ai gruppi bancari con attivo compreso tra 3,5 e 40 miliardi di Euro, fermi gli obblighi già definiti lo scorso anno per le banche  e i gruppi bancari con un attivo maggiore di 40 miliardi di euro;

–        estende la raccolta di dati sugli high earners al personale  di succursali europee di banche extracomunitarie, fermi gli obblighi previsti con la scorsa comunicazione del novembre 2012 (par. 3) per il personale delle banche e dei gruppi bancari già destinatari della stessa;

–        individua, per entrambe le raccolte di dati, le modalità di trasmissione delle informazioni alla banca d’Italia che dovranno essere usate a partire da quest’anno.

In particolare per quanto riguarda l’esercizio di benchmarking , Banca d’Italia precisa che le informazione di cui all’ Allegato I (lett A e B) alla Comunicazione del 16 novembre 2012 devono essere trasmesse entro il 31 agosto di ogni anno, secondo le modalità in esso contenute. I dati riguardano i compensi dell’anno precedente, fatto salvo per la prima rilevazione( da inviare entro il 31 agosto 2013)  i cui dati riguardano i compensi degli anni 2011 e 2012. Le informazioni si estendono anche alle remunerazioni pagate in succursali e filiazioni insediate in altri paesi dell’UE e in paesi terzi.

Le società capogruppo sono tenute a trasmettere le informazioni a livello consolidato, mentre per quanto riguarda le filiazioni di banche comunitarie, le informazioni dovranno essere riferite alle società incluse nell’area di consolidamento del sotto-gruppo italiano (i dati sono richiesti anche se la casa madre estera invia le informazioni a livello consolidato alla rispettiva Autorità di vigilanza).

Per quanto riguarda invece la raccolta di dati sugli high earners, le succursali italiane di banche non appartenenti allo Spazio Economico Europeo trasmettono alla Banca d’Italia le informazioni relative al personale la cui remunerazione totale sia pari ad almeno 1 milione di euro su base annua. Le informazioni da trasmettere sono indicate nell’Allegato II alla Comunicazione del novembre 2012, l’invio deve avvenire entro il 30 giugno di ogni anno e i compensi dichiarati devono essere stati percepiti durante il corso dell’anno precedente. Nel caso di assenza di high earners in una succursale, dovrà comunque essere  inviata una segnalazione negativa.

Per entrambe le raccolte, le informazioni possono essere trasmesse tramite la piattaforma INFOSTAT, per il cui utilizzo saranno pubblicati i dettagli tecnici.

(Ornella Carleo – o.carleo@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

A decorrere dal 1° gennaio 2021 è entrata in vigore la nuova definizione di default contenuta nell...

Vigilanza

Il Manuale Utente delle comunicazioni oggettive

Le proposte di regolamento, discusse nella memoria del 11 gennaio 2021, hanno ad oggetto le operazio...

Vigilanza

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Lo scorso 31 dicembre 2020, con lo scadere del periodo di transizione previsto dall’Accordo sulla ...

Vigilanza

X