Crisi e procedure concorsuali

Si’ all’esdebitazione anche se uno solo degli ammessi al passivo ha ricevuto un sia pure parziale soddisfacimento nella ripartizione dell’attivo

Cass., 6 dicembre 2012, Sez. I, n. 21985

Massima non ufficiale: “il beneficio della inesigibilità verso il fallito persona fisica dei debiti residui nei confronti dei creditori concorsuali non soddisfatti richiede, ai sensi dell’art. 142, comma 2, l.f., che vi sia stato il soddisfacimento, almeno parziale, dei creditori concorsuali, dovendosi intendere realizzata tale condizione, in un’interpretazione costituzionalmente orientata e coerente con il favor per l’istituto già formulato dalla legge delegante, anche quando taluni di essi non siano stati pagati affatto” (leggi sentenza per esteso).

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Con l’ordinanza in commento la Corte di Cassazione ha sancito che il principio indicato nell’ar...

Crisi e procedure concorsuali

European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Con una recente decisione, il Tribunale di Trani ha riconosciuto l’applicazione della sospensione...

Crisi e procedure concorsuali

A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

In tema di operazione di anticipo su fatture regolata in conto corrente, rappresenta una modalità ...

Crisi e procedure concorsuali

X