Diritto Processuale Civile

Segnalazione in Centrale Rischi e ricorso cautelare

Trib. Verona, 18 marzo 2013 (leggi la sentenza per esteso)

Dopo alcune sentenze di merito che avevano negato l’utilizzabilità dello strumento cautelare volto ad ottenere la cancellazione di una illegittima segnalazione in Centrale Rischi, per essere invece applicabile la disciplina di cui al codice della privacy, il Tribunale di Verona ha espresso una diversa opinione.

A parere del Giudice, infatti, quando viene contestata la segnalazione in Centrale Rischi, la doglianza non attiene alle modalità di trasmissione dei dati, bensì all’assenza dei presupposti legittimanti la segnalazione medesima, effettuata da un soggetto privato.

Ne consegue che, secondo il Tribunale di Verona, non potendo essere applicata la normativa speciale, deve ritenersi ammissibile il ricorso allo strumento cautelare atipico di cui all’art. 700 c.p.c.

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

L’irreperibilità attestata erroneamente dall’agente notificatore è un evento patologico che, ...

Diritto Processuale Civile

Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

La Corte di Cassazione ha risposto negativamente all’interrogativo. Secondo la Suprema Corte, ...

Diritto Processuale Civile

Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

La data di una scrittura privata non autenticata può ritenersi opponibile ai terzi anche qualora s...

Diritto Processuale Civile

X