Diritto dell'Esecuzione Forzata

Se il debito è sorto nell’esercizio d’impresa, il creditore può escutere i beni del fondo patrimoniale del debitore?

Cass., Sez. III Civile, 11 luglio 2014, n. 15886 (leggi la sentenza per esteso)

La Corte di Cassazione, Sez. III Civile, con sentenza la recente sentenza del 11 luglio n. 15886/14 si è nuovamente pronunciata sulla possibilità, riconosciuta al creditore, di sottoporre ad esecuzione forzata i beni facenti parte del fondo patrimoniale costituito da parte debitrice.

Il fatto. Due coniugi proponevano opposizione all’esecuzione immobiliare promossa dalla Banca, deducendo l’impignorabilità dell’immobile oggetto di espropriazione, in quanto ricompreso nel fondo patrimoniale – costituito a mezzo atto notarile in un tempo antecedente l’iscrizione dell’ipoteca concessa a garanzia di un finanziamento bancario – . Il Giudice di prime cure rigettava l’opposizione.

Avverso la sentenza i soccombenti ricorrevano in Cassazione adducendo la violazione  dell’art. 2697 c.c. in tema di onere della prova: invero, il Giudice di merito aveva  fondato la propria decisione sulla presunzione che ogni esercizio di attività d’impresa verrebbe intrapreso e svolto per esigenze della famiglia, oltre che per aver posto a carico degli esecutati l’onere di provare che il creditore conosceva che l’obbligazione da cui il debito scaturiva era contratta per scopi estranei della famiglia.

La Corte, confermava la sentenza di primo grado, considerando ben affrontata la questione dal Giudice di merito. A norma della lettura combinata degli artt. 170 e 2697 c.c., l’onere della prova grava su chi intenda avvalersi del regime di impignorabilità dei beni costituiti in fondo patrimoniale sicché, ove sia proposta opposizione per contestare il diritto del creditore ad agire esecutivamente, l’opponente sarà tenuto a dimostrare non soltanto la regolare costituzione del fondo e la sua opponibilità, ma anche che il suo debito verso quest’ultimo venne contratto per scopi estranei ai bisogni della famiglia.

Per quanto concerne la fondamentale nozione di bisogni della famiglia, attorno alla quale ruota l’intera disciplina del fondo patrimoniale, sinteticamente può dirsi che essa comprende tutte le esigenze volte al mantenimento e allo sviluppo armonico del nucleo famigliare, nonché al potenziamento della capacità lavorativa dei suoi membri, con esclusione delle esigenze di natura meramente voluttuaria e speculativa.

Quindi, affinché il creditore possa promuovere l’azione esecutiva, è necessario che l’obbligazione sia assunta per esigenze primarie e secondarie della famiglia, e la circostanza che il debito sia sorto nell’esercizio dell’impresa non può escluderlo a priori; a tanto può giungere solo l’attività accertativa svolta dal Giudice sulla circostanza che genera l’obbligazione.

Nel caso qui affrontato la S.C, richiamando l’ormai consolidato orientamento della Giurisprudenza di legittimità (Cass. n. 15862/2009) ha rigettato il ricorso proposto dai coniugi, nonché soci ed amministratori della società debitrice poiché, sebbene il debito fosse sorto nell’esercizio dell’impresa, la suddetta attività imprenditoriale  rappresentava  unica fonte di mantenimento della famiglia, e di conseguenza, anche se il debito era finalizzato al potenziamento della capacità lavorativa, avrebbe avuto come scopo indiretto quello di accrescere il reddito disponibile da destinare al mantenimento dei bisogni del nucleo familiare.

22 luglio 2014

(Antonino Sanzone – a.sanzone@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Attento a come quereli, il falso va provato!

“La dichiarazione di residenza o elezione di domicilio in un Comune non rientrante nella circoscri...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Il deposito cauzionale equivale a consegna materiale

La materia dell'indennità di espropriazione rientra nell'ordinamento civile e quindi è coperta dal...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

Con una recente sentenza, la Cassazione ha chiarito quali siano le conseguenze - nell’ipotesi di ...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

X