Fideiussore legale rappresentante della Società garantita

Saldo zero: si o no? Questo e’ il dilemma

In merito alla vexata quaestio in ordine all’applicabilità o meno del saldo zero per la determinazione del saldo di conto corrente, la recente sentenza n. 1317 del 05.07.2017, emessa dal Tribunale di Benevento, nella persona del Dott. Gerardo Giuliano, offre diversi spunti chiarificatori.

Il caso trattato nel provvedimento precitato tratta di una società correntista che conveniva in giudizio una Banca, al fine di ottenere la restituzione delle somme addebitate in modo asseritamente illegittimo dall’Istituto di credito il quale, costituitosi tempestivamente in giudizio, contestava integralmente le domande di parte attrice.

Il Giudicante ha ritenuto di dover vagliare in primis l’effettivo assolvimento dell’onere probatorio gravante sulle parti, chiarendo quale sia l’effettiva ripartizione dell’onere della prova nel caso in cui, nell’ambito di una controversia bancaria, ad agire in giudizio sia la banca ovvero il correntista.

Il Giudice ha quindi preliminarmente ribadito che grava sul creditore che agisce in giudizio l’onere di fornire la prova della fonte negoziale o legale del suo diritto, nonché di allegare l’inadempimento (o l’inesatto adempimento), mentre incombe sul debitore l’onere di dimostrare l’avvenuto esatto adempimento dell’obbligazione (ovvero un fatto estintivo o modificativo della stessa).

Da quanto precede emerge come:

  1. a) nei casi in cui sia la Banca ad agire in giudizio per il recupero del credito, grava su quest’ultima l’onere di produrre in giudizio il contratto, unitamente alla documentazione contabile dall’inizio del rapporto; in tal caso dunque, la ricostruzione dell’andamento del rapporto deve essere effettuata partendo dal saldo del primo estratto conto disponibile, se a credito per il cliente; nel caso in cui, invece, il primo estratto conto disponibile sia a debito per il cliente, occorre ripartire dal saldo zero;
  2. b) qualora sia il correntista ad agire in ripetizione o comunque per l’accertamento del dovuto, grava sullo stesso l’onere di produrre il contratto e la relativa movimentazione contabile, di talchè la ricostruzione dei rapporti di dare/avere andrà circoscritta al periodo in relazione al quale risultano prodotti gli estratti conto, senza la possibilità di considerare il saldo zero in caso di un primo estratto conto a debito per il cliente.

In applicazione dei summenzionati principi di diritto, il Tribunale, considerato che la correntista aveva prodotto unicamente gli estratti conto ma non il contratto e non si era quindi attivata in via stragiudiziale per il reperimento della necessaria documentazione, ha rigettato la domanda attorea con condanna della soccombente, altresì, al pagamento delle spese di lite.

Tribunale di Benevento, 5 luglio 2017, n. 1317

Alessandra Gambadauro – a.gambadauro@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Il Tribunale di Catanzaro, con una recente sentenza, ha rigettato le contestazioni formulate nei co...

Contratti Bancari

Fideiussore legale rappresentante della Società garantita

Per il Tribunale di Napoli Nord la società ricorrente non ha diritto alla stipula del contratto di...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

Nei rapporti di collaborazione continuativa a tempo indeterminato il recesso ad nutum costituisce u...

Contratti Bancari

X