La rivincita del promissario acquirente

Responsabilità da cose in custodia ex art. 2051 cod. civ.

Il “caso fortuito” evidenziato dalla norma può rinvenirsi anche nella condotta del terzo, qualora quest’ultima, rivelandosi come autonoma, eccezionale, imprevedibile ed inevitabile, risulti dotata di efficacia causale esclusiva nella produzione dell’evento lesivo.

Questo, in estrema sintesi, quanto affermato dalla Suprema Corte nella sentenza in commento.

Nel caso di specie, la Corte, chiamata a pronunciarsi in ordine all’addebitabilità o meno della responsabilità ex art. 2051 c.c. ad una società concessionaria della raccolta rifiuti, ha voluto confermare la decisione della Corte d’Appello, la quale, ritenendo che nella fattispecie in esame fosse ricorsa l’ipotesi del “caso fortuito”, ha escluso la responsabilità della concessionaria per l’incendio propagatosi nelle strade circostanti ad uno dei cassonetti che la stessa aveva in gestione.

Anche secondo la Cassazione, infatti, il fatto che “il fuoco fosse stato appiccato di nascosto ed in un’ora notturna“, portava a ricondurre la fattispecie del comportamento doloso del terzo al “caso fortuito”, idoneo ad escludere la responsabilità della custode (id est: della società concessionaria).

Infatti – ha osservato la Corte –  “solo una vigilanza ininterrotta avrebbe evitato l’evento in sé non usuale né connaturato all’utilizzo del cassonetto” , con la conseguenza che era stato corretto ritenere esente dalla responsabilità la custode, considerato oltretutto che, come accertato anche dal giudice di merito, nemmeno un intervento tempestivo avrebbe potuto, in alcun modo, evitare il danno.

Cass. civ., Sez. III, 23.06.2016, n. 13005 

Benedetta Minottib.minotti@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Il legislatore - probabilmente nell’ottica di salvaguardare il sacro principio dell’autonomia co...

Contratti

Vado a stare da papà

Non va accolta l’istanza di sfratto per morosità proposta dal locatore di un immobile ad uso abit...

Contratti

Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

L’Ufficio del Massimario della Corte Suprema di Cassazione ha pubblicato, nel luglio scorso, la su...

Contratti

X