Il Regolamento Crowdfunding in fase di aggiornamento e ampliamento

Il Regolamento Crowdfunding in fase di aggiornamento e ampliamento

Il 20 giugno Consob ha posto in consultazione le modifiche al regolamento, adottato con delibera Consob n. 18592/2013, sulla raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line (c.d. “Regolamento Crowdfunding”), al fine di adeguarne il testo alle novità introdotte dalla legge 30 dicembre 2018 n. 145 (c.d. “Legge di bilancio 2019”).

La Legge di bilancio 2019, infatti, ha apportato delle modifiche al D.Lgs. n. 58/1998 (“TUF”), che hanno esteso l’ambito di applicazione della normativa italiana in tema di portali per la raccolta di capitali on-line (le c.d. “piattaforme di crowdfunding”) anche alle obbligazioni e ai titoli di debito emessi dalle piccole e medie imprese.

In particolare, è stata ampliata la definizione di “portale per la raccolta di capitali per le piccole e medie imprese e per le imprese sociali”, contenuta nell’articolo 1, comma 5-novies, del TUF, al fine di ricomprendere tra le attività esercitabili tramite tali portali anche quella della “raccolta di finanziamenti tramite obbligazioni o strumenti finanziari di debito da parte delle piccole e medie imprese”.

La Legge di bilancio 2019 ha, inoltre, previsto all’art. 100-ter, comma 1-ter, del TUF, che disciplina le offerte al pubblico condotte attraverso uno o più piattaforme di crowdfunding, che “la sottoscrizione di obbligazioni o di titoli di debito è riservata, nei limiti stabiliti dal codice civile, agli investitori professionali e a particolari categorie di investitori eventualmente individuate dalla Consob ed è effettuata in una sezione del portale diversa da quella in cui si svolge la raccolta del capitale di rischio”.

Pertanto, gli emendamenti proposti sono volti:

  • – a riflettere l’ampliamento operato dalla Legge di bilancio 2019 del perimetro delle offerte promuovibili nell’ambito delle piattaforme crowdfunding;
  • – a valutare l’esercizio della delega attribuita all’Autorità di vigilanza dall’art. 100-ter, comma 1-ter, del TUF, in relazione alle tipologie di soggetti che possono sottoscrivere gli strumenti di debito emessi dalle piccole e medie imprese.

Con riferimento a quest’ultimo profilo, Consob valuta diverse opzioni regolamentari. A conclusione dell’analisi preliminare di impatto degli interventi sul Regolamento Crowdfunding, le modifiche apportate dall’Autorità di vigilanza e poste in consultazione prevedono che la sottoscrizione di obbligazioni emesse da società per azioni, nei casi di cui all’art. 2412, commi 1, 3 e 5, del c.c., sia riservata, oltre che agli investitori professionali indicati dall’articolo 100-ter del TUF, anche:

  • – ai soggetti indicati all’art. 24, comma 2, del Regolamento Crowdfunding;
  • – a coloro che detengono un portafoglio finanziario, inclusi i depositi di denaro, per un controvalore superiore ad € 250.000;
  • – a coloro che si impegnano ad investire almeno € 100.000 in offerte della specie, nonché dichiarino per iscritto, in un documento separato dal contratto da stipulare per l’impegno a investire, di essere consapevoli dei rischi connessi all’impegno o all’investimento previsto;
  • – agli investitori retail, nell’ambito dei servizi di gestione di portafogli o di consulenza in materia di investimenti.

La sottoscrizione di titoli di debito emessi da società a responsabilità limitata e di obbligazioni nei casi di cui all’art. 2412, comma 2, del c.c., invece, rimane riservata, in conformità con quanto previsto dalla disciplina codicistica, agli investitori professionali soggetti a vigilanza prudenziale.

Isabella Frisoni – i.frisoni@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
In Gazzetta Ufficiale la nuova trasparenza per i conti di pagamento

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 156 del 5 luglio 2019 il provvedimento della Banca d’...

Vigilanza

Banca d’Italia sempre più in linea con l’UE su trasparenza e relazioni con la clientela

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 81 del 5 aprile 2019 è stato pubblicato il provvedimento di Banca d’I...

Vigilanza

In Gazzetta Ufficiale la nuova trasparenza per i conti di pagamento

In data 19 marzo 2019, la Commissione nazionale per le Società e la Borsa (“Consob”) ha pubblic...

Vigilanza