A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

Il recesso parziale nelle S.r.l.-PMI

Proseguendo con l’attività di analisi degli ultimi orientamenti del Consiglio Interregionale dei Consigli Notarili delle Tre Venezie, inerenti alle tematiche che coinvolgono le S.r.l.-PMI, già intrapresa con il Focus pubblicato in data 6 novembre 2018, è oggetto del presente approfondimento l’orientamento I.N.12, con il quale il Notariato Triveneto si è interrogato circa la legittimità del recesso riferito ad una sola delle quote di categoria detenute da un medesimo socio.

In altri termini il Notariato Triveneto si è chiesto se, nell’ambito delle S.r.l.-PMI, sia ammissibile che un socio eserciti il proprio diritto di recesso solamente per una determinata categoria di quote, escludendo l’esercizio dello stesso rispetto alle altre categorie di quote di cui è titolare, oppure se il diritto di recesso debba necessariamente essere esercitato per la totalità della partecipazione detenuta dal singolo socio (senza la possibilità di alcuna distinzione tra singole categorie di quote).

Per meglio comprendere il disposto dell’orientamento in commento, occorre in prima battuta ricordare come le singole categorie di quote, anche se appartenenti allo stesso socio, devono essere considerate come autonome e non possono confondersi tra loro così da creare un’unica partecipazione sociale. In altri termini, nel caso in cui uno stesso socio sia titolare di quote di diverse categorie “le stesse non costituiranno un’unica partecipazione, ma tante partecipazioni unitarie quante sono le diverse categorie” (cfr orientamento I.N.6 Comitato Interregionale dei Consigli Notarili delle Tre Venezie) come confermato dal fatto che ciascuna di esse attribuisce al proprio titolare diritti ed obblighi propri che, se complessivamente considerati, non potranno essere uguali a quelli di nessun’altra categoria di quote emessa dalla società.

Alla luce di quanto sopra esposto, il Comitato Interregionale dei Consigli Notarili delle Tre Venezie con l’orientamento I.N.12 ha chiarito che “poiché l’interesse al disinvestimento tutelato dalle norme che consentono il recesso può ricorrere in maniera diversificata per ciascuna categoria di quote create dalla società, in quanto legato ai profili di rischio e di redditività  propri di ciascuna di esse, si deve ritenere che al verificarsi di una causa che legittimi il recesso lo stesso possa essere esercitato anche con riferimento ad una sola delle quote di categoria possedute dal medesimo socio, prescindendo dalla circostanza che l’atto costitutivo consenta o meno il recesso parziale”.

Matteo Marciano – m.marciano@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Not in my name: il falsus procurator di società di capitali

La ratio dell’art. 2409 c.c. è quella di consentire all’autorità giudiziaria il ripristino del...

Corporate

L’interesse è concreto. Se non ripeti, che interesse c’è?

La Corte di Cassazione è stata recentemente chiamata a decidere se l’inadempimento da parte di un...

Corporate

Collegio Sindacale: non indugiare, agisci!

Il diritto di controllo di cui all’art. 2476, 2° comma, c.c. afferisce allo status di socio in qu...

Corporate

X