Contratti Bancari

Rapporti bancari e segnalazione in CR

Nel caso affrontato dal tribunale monzese, una s.r.l. ha citato in giudizio una Banca chiedendo l’accertamento della illegittima applicazione di interessi anatocistici, la determinazione dell’esatto saldo dovuto e la ripetizione dell’indebito.

Inoltre, in via cautelare, la società ha chiesto al Giudice di inibire alla Banca la segnalazione a sofferenza della posizione.

Il Giudice ha rigettato la domanda attorea evidenziando come la richiesta di inibitoria non si ponesse in rapporto di correlazione funzionale e necessaria con l’oggetto e gli elementi delle domande formulate dalla società.

La S.r.l. ha depositato reclamo ex art. 669 terdecies c.p.c. avverso l’ordinanza di rigetto, sostenendo la sussistenza di una correlazione tra la domanda cautelare e quella di merito, in quanto, qualora la domanda di accertamento dell’esatto ammontare del credito fosse stata accolta, la società attrice sarebbe rimasta segnalata per tutto il corso del giudizio di merito presso la Centrale Rischi, senza poter giovare dell’annullamento e/o riduzione del debito.

Il Collegio conferma le motivazioni esposte dal Giudice monocratico, affermando che tra i caratteri distintivi di ogni provvedimento cautelare vi è quello della strumentalità, intendendo che gli stessi sono sempre preordinati all’emanazione di un provvedimento definitivo. Nel caso di specie le richieste della società di inibire alla Banca la segnalazione in C.R., costituiscono strumenti cautelari tipici volti ad assicurare il fruttuoso esperimento di un’azione di condanna al risarcimento del danno subito dal soggetto segnalato, domanda che non è stata avanzata dalla società nelle conclusioni rassegnate, né per inadempimento contrattuale, né per illecito extracontrattuale. La tutela cautelare richiesta difetta quindi del requisito della strumentalità.

10 aprile 2014

(Miriam Cantalicio – m.cantalicio@lascalaw.com )

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Il Tribunale di Torino, nella pronuncia in commento, ha affrontato un tema recentemente posto all’...

Contratti Bancari

Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

L’asserita violazione dei dettami di trasparenza riconnessi ad una presunta distorsione dell’Ind...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

“Ai fini della segnalazione a sofferenza la nozione di insolvenza che si ricava dalle Istruzioni e...

Contratti Bancari

X