L'indennità di occupazione è percepita dal Custode giudiziario

Progetto di distribuzione: è perentorio il termine per la prova del credito

Con la recente sentenza n. 2044 del 27 gennaio 2017, la Suprema Corte ha statuito riguardo l’esclusione del creditore privilegiato dal progetto di distribuzione, per aver prodotto i documenti giustificativi del proprio credito privilegiato oltre il termine fissato dal professionista delegato alla vendita. L’intervenuto proponeva opposizione all’ordinanza di approvazione del progetto di distribuzione per falsa applicazione e violazione dell’art. 566 c.p.c. L’opposizione veniva rigettata in quanto, sin dal ricorso per intervento, non era stato esibito il titolo esecutivo né l’intervenuto aveva mai chiesto proroga del termine fissato dal professionista.

La vicenda veniva sottoposta all’attenzione della Corte di Cassazione che rigettava il ricorso. Le ragioni a sostegno della pronuncia di rigetto si rinvengono nella considerazione che il progetto di distribuzione prescinde dalle ragioni di credito per le quali il creditore non abbia prodotto i necessari documenti giustificativi entro il termine fissato dal giudice dell’esecuzione o dal professionista delegato. Pertanto a nulla è valsa l’eccezione del ricorrente di violazione dell’art. 566 c.p.c. che riguarda il solo atto originario di intervento nella procedura esecutiva immobiliare non anche le successive attività dei creditori.

La giurisprudenza di legittimità ha evidenziato che il termine per la prova del credito e del relativo privilegio rappresenta doverosa attività volta alla predisposizione del progetto di distribuzione al fine di rendere possibile e ordinata detta attività. Per cui qualora il termine di produzione dei documenti richiesti venga eluso il giudice o il suo delegato devono redigere il progetto senza tener conto delle ragioni di credito non suffragate dalla documentazione necessaria.

Roberta Pisano – r.pisano@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
L’inerzia dell’aggiudicatario paga!

Con l’approvazione della legge di Bilancio 2020, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre 2...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

Cari Lettori, come anticipato nel nostro contributo Flash del 4 gennaio scorso, è entrato in vig...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Il deposito cauzionale equivale a consegna materiale

"In tema di processo esecutivo, ogni questione relativa alla validità ed efficacia dell'aggiudicazi...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

X