Contenzioso finanziario

Profili di (in)ammisibilità in ordine alla domanda di risoluzione dell’ordine di investimento

App. Firenze, 23 maggio 2012

E’ inammissibile la domanda di risoluzione di un singolo ordine di investimento posto che l’inadempimento dell’intermediario, ove accertato, e` configurabile soltanto in relazione al complesso di obbligazioni assunte nell’ambito del contratto di negoziazione, non gia` rispetto alle operazioni esecutive dello stesso (nella fattispecie, la Corte d’Appello riforma la sentenza di primo grado che aveva accolto la richiesta, avanzata da due risparmiatori, di risoluzione di specifici ordini di acquisto di titoli obbligazionari per violazione degli obblighi informativi da parte della banca; e cio` sul presupposto che tale rimedio non sia applicabile agli atti negoziali esecutivi del contratto di intermediazione finanziaria).

(leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Tra incapacità ed attendibilità dei testimoni

Nell’ambito del contenzioso inerente la prestazione dei servizi di investimento, l’onere della p...

Contenzioso finanziario

Derivati finanziari, tra collegamento funzionale e causa di copertura

Si torna a discutere di derivati finanziari e, nello specifico, in due recenti precedenti di merito,...

Contenzioso finanziario

Allega bene l’inadempimento, altrimenti niente risarcimento

Un tema d’attualità, stando alle letture di recenti decisioni della Suprema Corte, è quello dell...

Contenzioso finanziario