Contenzioso finanziario

Profili di (in)ammisibilità in ordine alla domanda di risoluzione dell’ordine di investimento

App. Firenze, 23 maggio 2012

E’ inammissibile la domanda di risoluzione di un singolo ordine di investimento posto che l’inadempimento dell’intermediario, ove accertato, e` configurabile soltanto in relazione al complesso di obbligazioni assunte nell’ambito del contratto di negoziazione, non gia` rispetto alle operazioni esecutive dello stesso (nella fattispecie, la Corte d’Appello riforma la sentenza di primo grado che aveva accolto la richiesta, avanzata da due risparmiatori, di risoluzione di specifici ordini di acquisto di titoli obbligazionari per violazione degli obblighi informativi da parte della banca; e cio` sul presupposto che tale rimedio non sia applicabile agli atti negoziali esecutivi del contratto di intermediazione finanziaria).

(leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Mark to market, sei elemento essenziale e determinabile?

La banca non risponde in solido con il promotore finanziario che opera al suo interno, per il danno ...

Contenzioso finanziario

L’informativa nel contratto

La decisione in esame riguarda un caso di opposizione alla irrogazione di una sanzione da parte dell...

Contenzioso finanziario

Mark to market, sei elemento essenziale e determinabile?

Con una recente sentenza, il Tribunale di Bergamo compone un altro tassello nell’inquadramento dog...

Contenzioso finanziario

X