La parte deve partecipare personalmente alla mediazione

Procura speciale sostanziale in mediazione

Nel procedimento di mediazione è obbligatoria la comparizione personale delle parti, ma la partecipazione è delegabile, purché il delegato sia munito di procura speciale sostanziale.

Così può riassumersi il principio di diritto enunciato dalla Corte d’Appello di L’Aquila, nell’ambito di un giudizio in cui veniva eccepita l’improcedibilità della mediazione, per l’assenza ingiustificata della parte istante, rappresentata in tale sede solo dal difensore.

Al fine di una compiuta trattazione, preliminarmente i giudici di secondo grado hanno ritenuto opportuno operare una breve digressione, richiamando il più recente orientamento della Corte di Cassazione che, con sentenza n. 8473\2019, ha affrontato e risolto la questione giuridica se la parte che propone la mediazione sia tenuta a comparire personalmente davanti al mediatore, affinché il tentativo possa ritenersi compiuto.

Ebbene, la Suprema Corte “Dopo aver rammentato la finalità perseguita con la mediazione da parte del legislatore, il quale ha previsto e voluto la comparizione personale delle parti perché la composizione degli opposti interessi può trovare soluzione ed evitare la controversia solo nel dialogo informale di queste con il mediatore, ha tuttavia precisato come “la necessità della comparizione personale non comporta che si tratti di attività non delegabile. In mancanza di una previsione espressa in tal senso, e non avendo natura di atto strettamente personale, deve ritenersi che si tratti di attività delegabile ad altri”.

In tal senso, ha ulteriormente chiarito come non sia previsto, né escluso che la delega possa essere conferita al proprio difensore, al quale, però, il potere di partecipare alle attività della mediazione deve essere attribuito con una procura (che non rientra nei poteri di autentica dell’avvocato stesso), avente lo specifico oggetto della partecipazione alla mediazione ed il conferimento del potere di disporre dei diritti sostanziali che ne sono oggetto: in altre parole, trattasi di quella che la Corte Suprema definisce e qualifica come procura speciale sostanziale”.

In assenza della predetta procura sostanziale deve, quindi, concludersi che la mediazione non ha avuto luogo per non avere la parte istante coltivato la stessa presentandosi personalmente o per il tramite di un procuratore sostanziale. L’improcedibilità della domanda, ai sensi dell’art. 5, comma 1-bis, D.Lgs. n. 28\10, deve però essere eccepita dal convenuto o rilevata d’ufficio dal giudice non oltre la prima udienza.

Corte d’Appello di L’Aquila, 15 luglio 2021, n. 1129

Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
La mediazione è obbligatoria anche per il fideiussore?

La Cassazione ha cercato di portare chiarezza in merito all’interpretazione della disciplina iner...

Mediazione bancaria

Comunione legale, finché pignoramento non ci separi

A seguito dell’invito del Giudice a promuovere il procedimento di mediazione, l’attore presenta...

Mediazione bancaria

La parte deve partecipare personalmente alla mediazione

Il mancato esperimento del tentativo di mediazione nel termine assegnato dal Giudice comporta l’i...

Mediazione bancaria

X