Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

Sentenza cartacea e termine di impugnazione

La Corte di Cassazione affronta il tema del termine utile per impugnare la sentenza emessa in formato cartaceo.

In tale occasione la Suprema Corte sottolinea infatti che per le sentenze redatte in formato digitale trova applicazione la disciplina di cui all’art. 327 c.p.c. in base alla quale il termine cd. lungo di impugnazione si perfeziona nel momento in cui il sistema informatico provvede ad assegnare alla sentenza, per il tramite del cancelliere, un numero identificativo ed una data, poiché da tale momento il provvedimento diviene conoscibile agli interessati. 

Tale principio, sempre espresso dal Supremo Collegio, che trova applicazione per le sentenze redatte in formato digitale, non si applica invece nel caso di sentenza cartacea.

Per la sentenza emessa in formato cartaceo, infatti, assume rilevanza decisiva il momento del deposito ufficiale in cancelleria.

È tale incombente che comporta l’inserimento della sentenza nell’elenco cronologico e l’attribuzione del numero identificativo, coincidente con l’attestazione datata e sottoscritta dal cancelliere, senza possibilità di riconoscere applicazione alla disciplina dettata per le sentenze redatte in formato elettronico.

Tale riflessione indice il Supremo Collegio a precisare che, in presenza di una attestazione ufficiale ed univoca del cancelliere apposta in calce alla sentenza emessa in formato cartaceo, non rileva dunque, ai fini del computo del termine lungo di impugnazione, la circostanza che alla sentenza sia stata attribuita anche una traccia telematica indicante una diversa data di pubblicazione, giacché l’unica attestazione ufficiale è quella sottoscritta dal cancelliere in calce alla sentenza.

Cass., Sez. VI, 25 maggio 2020, n. 9546

Katia Lorenzano – k.lorenzano@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
La rivincita del promissario acquirente

La sentenza di estinzione del processo è nulla se pronunciata in assenza del contraddittorio tra l...

Diritto Processuale Civile

Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

Con una recente ordinanza, il Tribunale di Arezzo, in sede cautelare, nel decidere sulla sussistenz...

Diritto Processuale Civile

Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

L’ordinanza che decide sulla sospensione dell’esecuzione deve contenere il provvedimento di liq...

Diritto Processuale Civile

X