Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

Distinzione tra privilegio generale e speciale in sede distributiva

L’Ordinanza in commento ha ad oggetto la decisione del Tribunale di Milano sulle contestazioni avanzate in sede distributiva da un Creditore.

Il creditore interveniva nella Procedura Esecutiva in forza di un finanziamento erogato ai debitori in parte con fondi messi a disposizione dallo stesso Istituto di Credito e, per altra parte, con fondi messi a disposizione da Finlombarda S.p.A. quali fondi erogati ai sensi della Legge Regionale n. 34 del 16.12.1996 per gli interventi di sostegno pubblico alle imprese.

Il progetto di distribuzione predisposto dal Professionista Delegato escludeva, invero, l’Istituto di Credito tra i creditori aventi diritto a partecipare alla distribuzione del ricavato della vendita in via privilegiata.

Sul punto l’Istituto osservava che i crediti nascenti dai finanziamenti erogati ai sensi del d. lgs. 123/1998 per espressa previsione normativa avrebbero dovuto essere preferiti a ogni altro titolo di prelazione, da qualsiasi causa derivante, ad eccezione del privilegio per spese di giustizia e di quelli previsti dall’articolo 2751-bis del codice civile e fatti salvi i diritti preesistenti dei terzi.

Pertanto, al credito vantato, derivante dal fondo erogato ai sensi della Legge Regionale n. 34 del 16.12.1996, rientrante tra gli interventi di sostegno pubblico alle imprese, così come disciplinato dal decreto legislativo di cui sopra, avrebbe dovuto riconoscersi natura privilegiata generale ai sensi del d. lgs. 123/1998 e, in particolare, avrebbe dovuto riconoscersi la prevalenza finanche sull’ipoteca iscritta dal Creditore Fondiario in quanto successiva al contratto di finanziamento.

L’Istituto, quindi, richiedeva di essere ammesso a partecipare in via privilegiata alla distribuzione delle somme ricavate dalla procedura previa modifica del progetto di distribuzione.

In merito alle intervenute osservazioni, il Tribunale di Milano, richiamando la distinzione tra privilegio generale e privilegio speciale in forza della quale il primo è quello su tutti i beni del debitore mentre il secondo è destinato ad applicarsi solo su determinati beni, ha rilevato che il legislatore, nell’istituire tale privilegio, essendosi limitato ad attribuire la prevalenza dello stesso sugli altri privilegi con la sola esclusione del privilegio ex art. 2770 c.c. e di quelli di cui all’art. 2751 bis c.c., non ha indicato che lo stesso debba afferire ad uno specifico bene.

Richiamando la dottrina, il Giudice ha altresì rilevato che trattandosi di privilegio che vede quale causa l’acquisto di un determinato bene, di norma collegato funzionalmente alla attività di impresa, il privilegio possa essere qualificato come privilegio speciale sul bene oggetto dell’acquisto, rilevando che, a tal proposito, alcuna pubblicità viene ad essere prevista con riferimento a detto bene.

Se così non fosse, si porterebbe, difatti, al blocco dei finanziamenti ipotecari ogni qual volta si fosse di fronte a richiesta proveniente da soggetto potenzialmente individuabile quale beneficiario di un finanziamento pubblico, posto che, a fronte della totale assenza di pubblicità del privilegio, nessun istituto di credito rilascerebbe un finanziamento destinato fin dal principio a soccombere.

Il Tribunale, pertanto, qualificando il privilegio in oggetto di natura generale sui beni del debitore, riconoscibile solo dopo i privilegi speciali sui beni del debitore e, in particolare, quelli di natura ipotecaria, come nel caso in esame, ha confermato il Progetto di distribuzione predisposto dal Professionista Delegato.

Trib. Milano, Ord., 10 ottobre 2021

Ilaria Piroddi – i.piroddi@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
L’inerzia dell’aggiudicatario paga!

Dovrà essere rigettato il ricorso ex art. 591ter cpc spiegato avverso la perizia immobiliare che r...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Il deposito cauzionale equivale a consegna materiale

Il Tribunale di Taranto ha conferito pieno rilievo alla perizia tecnico - estimativa redatta al tem...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Il deposito cauzionale equivale a consegna materiale

Il termine per la riassunzione del processo esecutivo sospeso a seguito della proposizione di una o...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

X