L’inerzia dell’aggiudicatario paga!

Il pignoramento immobiliare nel trust

La costituzione del trust non produce l’effetto traslativo del diritto di proprietà dell’immobile dal settlor al trustee lasciando di fatto la titolarità del bene in capo al proprietario disponente.

Questo il contenuto dell’ordinanza emessa dal Giudice dell’Esecuzione Immobiliare del Tribunale di Monza il quale ha rilevato come il trust abbia solo un effetto segregante del patrimonio ed in quanto tale  opponibile anche ai creditori del settlor, non incidendo invece sulla titolarità del diritto sotteso; tale  effetto “segregante” verrebbe meno con un’eventuale declaratoria di nullità disposta dall’autorità giudiziaria che renderebbe  il bene immobile libero da vincoli e quindi liberamente pignorabile dal creditore a favore del quale la stessa è stata pronunciata.

Il trust è sempre stata una figura giuridica molto discussa soprattutto dalla dottrina ed  inquadrato il più delle volte come un diritto reale atipico in quanto comporterebbe uno sdoppiamento del diritto di proprietà inammissibile nell’ordinamento giuridico italiano.

Occorre però partire dalla definizione giuridica dell’istituto giuridico per comprendere meglio gli effetti sostanziali sottesi. Secondo l’art 2 della Convenzione dell’Aja per trust “s’intendono i rapporti giuridici istituiti da una persona, il costituente – con atto tra vivi o mortis causa -qualora dei beni siano stati posti sotto il controllo di un trustee nell’interesse di un beneficiario o per un fine specifico”. Il trust non è dunque un autonomo ente giuridico del tipo fondazione, ma un patrimonio separato basato sulla fiducia la cui disciplina non ha valore solo tra le parti direttamente interessate ma è opponibile ai terzi in specie ai creditori.

Nel secondo capoverso la norma elenca le caratteristiche del diritto in questione, precisando come i beni del trust non fanno parte del patrimonio del trustee il quale, però, ne ha la titolarità.

Di qui l’annosa questione tutta italiana per cui una gran parte dei giuristi considera il trust in contrasto con i principi propri dei diritti reali quali il principio della tipicità, dell’assolutezza e dell’unicità.

Altra parte della dottrina, invece, ritiene l’istituto assolutamente meritevole di tutela sull’assunto  che l’impossibilità di dissociazione tra titolarità formale e sostanziale è una mera petizione di principio, che è invece contraddetta da altri istituti, come il negozio fiduciario o il mandato senza rappresentanza; così come la proprietà temporanea che caratterizzerebbe solo il trust in realtà la ritroviamo anche nella multiproprietà e nella vendita con patto di riscatto.

La stessa trascrivibilità del diritto (fino a qualche anno fa esclusa) è oggi espressamente prevista e regolamentata dall’articolo 2645 ter del codice civile sancendo, di fatto la legittimità di tale istituto.

L’ordinanza oggetto della presente disamina ha il pregio di aver sottlineato come la funzione giuridica del trust abbia sia quella di congelare il patrimonio del settlor che resta comunque proprietario del bene con tutti gli effetti che ne derivano nei confronti dei relativi creditori, i quali  dovranno quindi procedere al pignoramento dei beni in capo al costituente (o settlor).

Alla luce delle considerazioni fin qui svolte ci si domanda se non fosse più corretto inquadrare il trust nella categoria dei diritti reali di godimento.

Tribunale di Monza, ordinanza del 17 gennaio 2017 (leggi l’ordinanza)

Alberta Vettorel – a.vettorel@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Il deposito cauzionale equivale a consegna materiale

La materia dell'indennità di espropriazione rientra nell'ordinamento civile e quindi è coperta dal...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

Con una recente sentenza, la Cassazione ha chiarito quali siano le conseguenze - nell’ipotesi di ...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Attento a come quereli, il falso va provato!

L’introduzione del giudizio di merito, in caso di opposizione all’esecuzione e agli atti esecuti...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

X