Diritto dell'esecuzione Forzata

Pignoramento di conto o deposito bancario e impignorabilità dei versamenti di origine pensionistica

Tribunale Udine, 3 gennaio 2013 (leggi la sentenza per esteso

Nel caso di specie il creditore aveva sottoposto ad esecuzione il conto corrente intestato al suo debitore, il quale aveva proposto opposizione sostenendone l’impignorabilità. Il Giudice, nell’ambito del giudizio ordinario, ha rilevato che, dalla documentazione in atti, emergeva chiaramente che su detto rapporto confluivano i ratei di pensione e, pertanto, pur trattandosi di somme presenti sul conto, era indubbia la loro origine pensionistica.

Per tale ragione, aderendo all’orientamento espresso dalla Consulta con sentenza n. 506 del 2002, il Tribunale di Udine, essendo impignorabile la parte della pensione necessaria ad assicurare mezzi adeguati alle esigenze di vita, ha ritenuto che nel caso di specie tutta la pensione fosse necessaria al debitore e, conseguentemente, ha autorizzato l’esecuzione solo sulla parte del saldo di conto corrente eccedente i ratei  pervenuti dall’INPS dopo la notifica del pignoramento.

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Dopo il pagamento del decreto ingiuntivo, niente esecuzione per le spese successive

Nel caso in cui il debitore estingua il proprio debito, comprensivo degli interessi e delle spese pr...

Diritto dell'esecuzione Forzata

Esecuzione forzata, al via le modifiche introdotte dal decreto semplificazioni pignoramento: attenti alla nota?

Il 13 febbraio è entrata in vigore la legge di conversione del Decreto Legge 14 dicembre 2018 n. 13...

Diritto dell'esecuzione Forzata

Pignoramento dei diritti parziari: obbligo o facoltà?

È facoltà del creditore ipotecario agire in via esecutiva direttamente e nei soli confronti del pr...

Diritto dell'esecuzione Forzata