Diritto dell'Esecuzione Forzata

Pignorabilità del bene di proprietà dei coniugi sul quale è trascritta sentenza di separazione con assegnazione della casa coniugale

Cass., 11 luglio 2014, n. 15885 (leggi la sentenza per esteso)

La fattispecie affrontata dalla Suprema Corte ha riguardato il caso di una donna che aveva ottenuto, con  provvedimento giudiziale di separazione, l’assegnazione della casa familiare, in comproprietà con l’ex marito.

La donna era tuttavia anche debitrice di diverse somme nei confronti di alcuni creditori i quali hanno proceduto a sottoporre il bene a pignoramento immobiliare.

Con la sentenza in commento la Corte di Cassazione, chiamata a pronunciarsi sulla legittimità dell’azione, ha confermato il principio secondo il quale i creditori sono legittimati a sottoporre ad esecuzione forzata un immobile oggetto di assegnazione.

Infatti,  i creditori  del coniuge assegnatario e comproprietario del bene, potranno pignorare l’immobile anche se l’assegnazione è anteriore all’atto di pignoramento.

Ne deriva che il provvedimento giudiziale di assegnazione non rappresenta un elemento ostativo all’esecuzione forzata da parte dei creditori.

25 luglio 2014

(Matteo Mauro – m.mauro@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
L’inerzia dell’aggiudicatario paga!

La Corte di Cassazione ha chiarito, in tema di espropriazione forzata presso terzi, che la conoscenz...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Il deposito cauzionale equivale a consegna materiale

L’intervento del creditore nell’esecuzione non perde efficacia nell’ambito dell’espropriazio...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Attento a come quereli, il falso va provato!

Con una recentissima ordinanza, il Tribunale di Arezzo è intervenuto nel dibattito giurisprudenzial...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

X