Diritti reali e condominio

Parti comuni e diritti proprietari

Cass., Sez. II, 11 gennaio 2016, n. 233 (leggi la sentenza) 

La Corte di Cassazione, con la sentenza 11 gennaio 2016, n. 233, conferma l’orientamento consolidato in materia condominiale, riguardante la titolarità del diritto di proprietà del sottotetto: il sottotetto si presume di proprietà del condominio.

Più precisamente, in un edificio di più piani appartenenti a proprietari diversi, l’appartenenza del sottotetto che non sia indicato nell’art. 117 cod. civ. tra le parti comuni dell’edificio, si determina in base al titolo e, in mancanza, in base alla funzione cui esso è destinato in concreto.

Pertanto, ove si tratti di vano destinato esclusivamente a servire da protezione dell’appartamento dell’ultimo piano, esso ne costituisce pertinenza e deve, perciò, considerarsi di proprietà esclusiva del proprietario dell’ultimo piano; mentre va annoverato tra le parti comuni se è utilizzabile, anche solo parzialmente, per gli usi comuni, dovendosi in tal caso applicare la presunzione di comunione prevista dalla norma citata, la quale opera ogni volta che nel silenzio del titolo il bene sia suscettibile, per le sue caratteristiche, di utilizzazione da parte di tutti i proprietari esclusivi.

26 gennaio 2016

Federica Ballerinif.ballerini@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Con riferimento alle condizioni che legittimano il conduttore a sospendere, in tutto o in parte, il ...

Diritti reali e condominio

La rivincita del promissario acquirente

La Cassazione, con una recentissima sentenza, si è pronunciata su una questione di immediata applic...

Diritti reali e condominio

Vado a stare da papà

La VI Sezione Civile della Suprema Corte, con una recentissima ordinanza, si è pronunciata su una i...

Diritti reali e condominio

X