Contenzioso finanziario

Operazione di investimento non adeguata e nesso eziologico tra inadempimento e danno

Corte d’Appello di Milano, 28 marzo 2012.

Massima: “Può dirsi ormai consolidato l’orientamento secondo cui non sia necessario procedere alla verifica del nesso causale tra violazione delle regole di condotta e danno quando si è in presenza di un’operazione non adeguata, di cui non sia stata fornita specifica segnalazione per iscritto all’investitore, poiché non sono le concrete e specifiche modalità esecutive dell’ordine a venire in questione, ma il compimento stesso dell’operazione, che non avrebbe dovuto avere luogo”. (leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Tra incapacità ed attendibilità dei testimoni

Nell’ambito del contenzioso inerente la prestazione dei servizi di investimento, l’onere della p...

Contenzioso finanziario

Derivati finanziari, tra collegamento funzionale e causa di copertura

Si torna a discutere di derivati finanziari e, nello specifico, in due recenti precedenti di merito,...

Contenzioso finanziario

Allega bene l’inadempimento, altrimenti niente risarcimento

Un tema d’attualità, stando alle letture di recenti decisioni della Suprema Corte, è quello dell...

Contenzioso finanziario