Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

Omessa menzione della formula esecutiva: l’atto di precetto è valido

L’omessa indicazione della data di apposizione della formula esecutiva sul contratto di mutuo fondiario ex art. 41 TUB non rende nullo l’atto di precetto che, pertanto, resta valido ed efficace.

Questo il recentissimo approdo della Suprema Corte di Cassazione che, con ordinanza n. 11242 del 6 aprile 2022, ha cassato con rinvio la sentenza emessa dal Tribunale di Siena all’esito del giudizio di opposizione a precetto ex art. 617, comma 1, c.p.c.

La vicenda trae origine dal giudizio di opposizione all’esecuzione ex art 615, comma 1, c.p.c, promosso a seguito dell’omessa menzione nell’atto di precetto notificato, della data di apposizione della formula esecutiva sul contratto di mutuo fondiario azionato. In particolare, il debitore eccepiva la violazione della norma di cui all’art 654 c.p.c. che prevede la necessità, ai fini dell’esecuzione, della menzione nell’atto di precetto della data di apposizione della formula esecutiva sul titolo azionato.
Il Tribunale di Siena, chiamato a decidere sulla questione, accoglieva l’opposizione dichiarando nullo l’atto di precetto per carenza di uno dei requisiti ritenuti essenziali ai fini della validità dell’atto di precetto. 

Il creditore proponeva ricorso per Cassazione (cd. ricorso per saltum) avverso il provvedimento emesso, sostenendo che l’art. 654 c.p.c., richiamato dal Giudice di prime cure, fosse del tutto inconferente rispetto al titolo esecutivo azionato ossia il mutuo fondiario.

La Corte di Cassazione, chiamata a decidere sulla questione, ha accolto il ricorso presentato dal creditore, atteso che, a ben vedere, l’art. 654 c.p.c. è norma speciale e non applicabile analogicamente al contratto di mutuo fondiario.

Difatti, la norma citata fa espresso riferimento alla notificazione del decreto ingiuntivo il quale, reso inaudita altera parte, necessita dell’indicazione della data di apposizione della formula esecutiva,  atteso che il debitore deve essere reso edotto di quanto disposto in assenza di contraddittorio.
Non si può prescindere, dunque, dalla natura giudiziale del decreto ingiuntivo, il quale, emesso dal Giudice a seguito del deposito del ricorso, mira ad ottenere un titolo azionabile per poter recuperare il proprio credito.

Al contrario, il contratto di mutuo fondiario, essendo regolato da una normativa del tutto speciale rispetto alle disposizioni codicistiche, costituisce ab origine titolo esecutivo poiché ha natura contrattuale e, come espressamente indicato dall’art. 41, comma 1, TUB, è esente dalla notificazione al debitore.
Del resto, il debitore, avendo sottoscritto il contratto di mutuo, è a conoscenza dell’esistenza del proprio debito e l’omessa indicazione della data di apposizione della formula esecutiva non può invalidare un atto che contenga tutti i requisiti richiesti ex lege ai sensi dell’art. 471 c.p.c.


Da ciò discende la validità dell’atto di precetto nell’ipotesi in cui riporti nel proprio contenuto l’indicazione del titolo azionato e tutti gli elementi idonei a identificarlo. Viene, dunque, esclusa qualsivoglia interpretazione estensiva dell’art. 654 c.p.c., sicché non è consentita la sua applicazione anche all’ipotesi di un titolo diverso dal decreto ingiuntivo.


Ritenendo errata la statuizione del Tribunale di Siena, la Cassazione ha cassato la sentenza impugnata, rinviandola al Giudice di primo grado.

Martina Careccia – m.careccia@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Il deposito cauzionale equivale a consegna materiale

“In tema di vendita forzata, il termine di versamento del saldo del prezzo da parte dell'aggiudi...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

L’opposizione di merito, proposta dal debitore congiuntamente a quella di rito, costituisce prova...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

La rivincita del promissario acquirente

La vicenda analizzata ha avuto inizio con l’intervento nel processo espropriativo del creditore n...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

X