Contratti Bancari

Nullità del contratto di mutuo

Trib. Venezia, 26 luglio 2012 (leggi la sentenza per esteso)

La sentenza in commento ha affermato che la normativa sul credito fondiario ha natura imperativa, in considerazione del fatto che la stessa è posta a tutela non solo degli interessi del sistema bancario, ma anche a tutela del regolare andamento dell’economia, venendo in gioco interessi di natura pubblica.  Da ciò il Tribunale di Venezia fa derivare quale conseguenza che in caso di mancato rispetto del limite di finanziabilità dettato dal combinato disposto dell’articolo 38 del D.lgs. n. 385/1993 e della delibera CICR del 22 Aprile 1995 il contratto di mutuo fondiario stipulato sarà nullo ex art. 1418, primo comma, c.c., per contrarietà a norma imperativa, dovendosi ritenere che la determinazione dell’importo massimo finanziabile attenga alla struttura del contratto di credito fondiario.

(Filippo Basile – f.basile@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Usura e anatocismo, quando la domanda è carente di prova

“Ogni onere allegatorio e probatorio grava su chi agisce e ciò vale anche nell’ipotesi di doman...

Contratti Bancari

Prelievi in conto corrente: non basta essere cointestatari

La Corte di Cassazione, con ordinanza del 3 settembre scorso, ha stabilito che il cointestatario di ...

Contratti Bancari

La Banca è sempre obbligata a fornire ulteriore copia del contratto di conto corrente?

Nei giudizi promossi dal correntista, per far valere l’illegittimità di poste passive in conto co...

Contratti Bancari