Contenzioso finanziario

Niente rimborso al risparmiatore esperto che investe in titoli speculativi

Cass., 30 gennaio 2013, Sez. I, n. 2185

Massima: “Deve essere esclusa la risoluzione del contratto di acquisto di titoli del mercato mobiliare classificati come «speculativi» dalle agenzie di rating (si tratta delle obbligazioni della Repubblica argentina andate in default), laddove all’atto della sottoscrizione l’investitore dichiara la propria propensione al rischio e di essere in possesso di un’adeguata conoscenza del sistema finanziario.” (leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Tra incapacità ed attendibilità dei testimoni

Nell’ambito del contenzioso inerente la prestazione dei servizi di investimento, l’onere della p...

Contenzioso finanziario

Derivati finanziari, tra collegamento funzionale e causa di copertura

Si torna a discutere di derivati finanziari e, nello specifico, in due recenti precedenti di merito,...

Contenzioso finanziario

Allega bene l’inadempimento, altrimenti niente risarcimento

Un tema d’attualità, stando alle letture di recenti decisioni della Suprema Corte, è quello dell...

Contenzioso finanziario