Contenzioso finanziario

Niente rimborso al risparmiatore esperto che investe in titoli speculativi

Cass., 30 gennaio 2013, Sez. I, n. 2185

Massima: “Deve essere esclusa la risoluzione del contratto di acquisto di titoli del mercato mobiliare classificati come «speculativi» dalle agenzie di rating (si tratta delle obbligazioni della Repubblica argentina andate in default), laddove all’atto della sottoscrizione l’investitore dichiara la propria propensione al rischio e di essere in possesso di un’adeguata conoscenza del sistema finanziario.” (leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
L’illecito extracontrattuale negli investimenti

Una recente azione promossa da numerosi (circa centocinquanta) investitori nei confronti di una comp...

Contenzioso finanziario

legittimazione passiva

La vicenda posta all'attenzione della Corte d’Appello di Venezia trae origine dalla chiusura di ra...

Contenzioso finanziario

Gestione patrimoniale, tra trasparenza dei costi e prova dell’informativa

Il Tribunale di Bologna ha avuto modo di argomentare riguardo alle contestazioni mosse da un investi...

Contenzioso finanziario