Diritto dell'Esecuzione Forzata

Nell’ipotesi di accoglimento parziale dell’opposizione a decreto ingiuntivo rimangono validi gli atti esecutivi compiuti e l’ipoteca iscritta in forza del decreto ingiuntivo revocato

Cass., 24 settembre 2013, sez. III, n. 21840 (leggi la sentenza per esteso)

La sentenza in commento ha affermato il principio in forza del quale anche nel caso di sentenza non definitiva che accoglie parzialmente l’opposizione a decreto ingiuntivo, con prosecuzione del giudizio al fine di accertare l’ammontare del credito oggetto della domanda monitoria,  rimangono validi ed efficaci gli atti esecutivi compiuti in forza del decreto ingiuntivo, sebbene nei limiti della somma o quantità ridotta, così come verrà determinata dalla sentenza definitiva, giusto quanto dispone l’articolo 653, secondo comma, c.p.c.

La Suprema Corte ha inoltre avuto modo di precisare che la conservazione degli effetti nei limiti sopra precisati riguarda altresì l’iscrizione ipotecaria, rientrando quest’ultima nel concetto di “atti esecutivi compiuti” di cui all’articolo 653, secondo comma, c.p.c..

Tale conclusione si fonda sulla considerazione che l’ipoteca costituisce uno dei possibili effetti dell’esecutività del decreto ingiuntivo e sulla considerazione che identica è la ratio di mantenere integra la posizione del creditore, seppur nei limiti della somma riconosciuta come dovuta.

(Filippo Basile – f.basile@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
L’inerzia dell’aggiudicatario paga!

Il Tribunale di Bari con l’Ordinanza in commento, si è pronunciato su una delle tematiche introdo...

Coronavirus

Il deposito cauzionale equivale a consegna materiale

Il Tribunale di Torre Annunziata in persona del Giudice dell’Esecuzione, dott.ssa Anna Maria Diana...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

È ormai noto che l’emergenza sanitaria ha rivoluzionato il nostro modo di lavorare, spingendo att...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

X