Contenzioso finanziario

Nelle azioni di responsabilità delle società di rating, ricorso nel paese di acquisto dei titoli

In questo senso si sono recentemente espresse le Sezioni Unite (ordinanza n. 8076 del 22 maggio 2012), le quali, nell’affrontare il delicato tema del criterio di identificazione della giurisdizione competente in materia di illeciti civili dolosi o colposi commessi dalla società di rating: i) per l’attribuzione ai titoli di un rating superiore rispetto a quello reale; ovvero ii) per il tardivo declassamento del rating dei titoli oggetto di controversia; hanno offerto una soluzione definitiva al quesito.

Richiamando gli orientamenti già espressi dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea, le Sezioni Unite hanno infatti chiarito che l’art. 5, n. 3, del Regolamento CE n. 44 del 2001 (che stabilisce il criterio di individuazione del giudice competente a decidere delle azioni di responsabilità da chiunque promosse nei confronti delle società di rating) deve essere interpretato nel senso che per “luogo in cui l’evento dannoso è avvenuto o può avvenire” è da intendersi quello in cui è avvenuta la lesione del diritto della vittima, senza avere riguardo alcuno al luogo dove si sono verificate o potranno verificarsi le conseguenze future di tale lesione.

Le Sezioni Unite chiariscono pertanto che il luogo in cui è avvenuta la pretesa lesione del diritto degli investitori (ossia il depauperamento dei loro patrimonio) è quello in cui i titoli sono stati acquistati ad un valore superiore all’effettivo (valore, questo, desumibile appunto dal rating fissato dalle società), dovendosi escludere che possa assuma rilievo il luogo in cui ha sede l’Istituto di Credito depositario dei titoli, ovvero quello in cui il rating è stato emesso.

(Francesco Concio – f.concio@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
L’illecito extracontrattuale negli investimenti

Una recente azione promossa da numerosi (circa centocinquanta) investitori nei confronti di una comp...

Contenzioso finanziario

legittimazione passiva

La vicenda posta all'attenzione della Corte d’Appello di Venezia trae origine dalla chiusura di ra...

Contenzioso finanziario

Gestione patrimoniale, tra trasparenza dei costi e prova dell’informativa

Il Tribunale di Bologna ha avuto modo di argomentare riguardo alle contestazioni mosse da un investi...

Contenzioso finanziario