Direttive Comunitarie

Modifiche conseguenti al recepimento della direttiva 2010/73/UE che modifica la direttiva cd. “Prospetto” e la direttiva cd. “Transparency”

Gli Stati membri hanno tempo fino al 1° luglio 2012 per adeguare la normativa nazionale alle nuove disposizioni comunitarie di cui alla Direttiva 2010/73/UE.
Il 6 maggio scorso Consob ha posto in consultazione per 30 giorni un documento, Modifiche conseguenti al recepimento della direttiva 2010/73/UE  (cd. direttiva Prospetto) e 2004/109/CE (cd. direttiva Transparency), che apporta modifiche al Regolamento Emittenti.
Le modifiche, per chiarezza espositiva, sono state suddivise in tre macro-gruppi:

a) modifiche finalizzate alla riduzione degli oneri previsti per gli operatori:
 – individuazione di nuove soglie relative ai controvalori totali delle offerte al di sotto delle quali vi è l’esenzione per l’emittente della pubblicazione del prospetto (il controvalore massimo delle offerte è stato raddoppiato passando a 5 milioni di euro mentre la soglia relativa al controvalore annuale di emissioni di titoli plain vanilla da parte di istituti di credito è stata innalzata a 75 milioni di euro);
 – introduzione di schemi di Prospetti semplificati per le piccole e medie imprese non quotate, per le imprese a ridotta capitalizzazione di mercato e per tutte le società aventi azioni negoziate su un mercato regolamentato europeo in occasione di aumenti di capitale offerti in opzione ai soci;
 – ampliamento della disciplina delle esenzioni prevista per le offerte ai dipendenti;

b) modifiche finalizzate a migliorare la tutela degli investitori:
 – maggior valore attribuito all’informativa veicolata attraverso la nota di sintesi (cd. Summary) e concentrazione dei suoi contenuti nella c.d. key information;
 – modalità di pubblicazione del prospetto (è previsto che quella elettronica diventi obbligatoria, mentre la pubblicazione sui siti internet degli intermediari incaricati del collocamento possa essere facoltativa);

c) modifiche finalizzate a fornire chiarimenti e a favorire il coordinamento con altre direttive:
 – possibilità di aggiornare il registration document con un supplemento;
 – precisazione che il periodo di validità del prospetto decorre dalla sua approvazione;
 – eliminazione dell’obbligo di redigere un documento annuale sulle informazioni diffuse dall’emittente quotato in un mercato regolamentato, in quanto superato dagli adempimenti imposti dalla direttiva Transparency; è quindi abrogato l’art. 54 riguardante il “Documento di Informazione annuale;
 – applicazione nella materia dei prospetti della stessa definizione di investitore qualificato prevista dalla MiFiD (inserita nell’art. 34-ter co. 1 lett. a) e l’eliminazione della tenuta del registro delle persone fisiche e delle PMI   considerate come investitori qualificati.


(Sabrina Galmarini – s.galmarini@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Lo scorso gennaio il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame preliminare, il decreto legislati...

Direttive Comunitarie

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 134 del 26 maggio 2020 è stato pubblicato il D.Lgs. 8 aprile 2020, n. 3...

Direttive Comunitarie

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Nella Gazzetta ufficiale n. 6 del 9 gennaio 2020 è stato pubblicato il D.Lgs. 25 novembre 2019, n. ...

Direttive Comunitarie

X