Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Misure Covid-19: la decisone dell’Eba in tema di moratorie sui finanziamenti

L’EBA ha scelto di applicare nuovamente le proprie Linee guida sul trattamento delle moratorie sui finanziamenti bancari, a seguito delle valutazioni effettuate sugli sviluppi della pandemia Covid-19 e, nello specifico, sugli impatti della seconda ondata e sulle relative restrizioni governative adottate da numerosi paesi dell’UE.

Nelle proprie valutazioni, l’Autorità Bancaria ha osservato come le moratorie sui prestiti abbiano rappresentato una quota significativa dei prestiti totali in capo alle banche dell’Unione europea fornendo al contempo ai mutuatari del tempo per poter affrontare le proprie esposizioni debitorie.

In tale ottica, infatti, l’utilizzo delle moratorie è stato particolarmente diffuso per rispondere alle necessità delle PMI e per la gestione dei mutui ipotecari.

Inoltre, nelle proprie riflessioni, l’EBA ha sottolineato come anche le garanzie pubbliche – nonostante siano state utilizzate in misura minore – abbiano rappresentato un importante ausilio in questo momento di difficoltà, consentendo alle banche di fornire nuovi prestiti a molte società colpite dalla crisi.

Dunque, come chiarito dall’Autorità, la decisione di applicare nuovamente le proprie Linee guida è giustificata dallo scopo di garantire un flusso continuo di prestiti ai clienti al fine di fornire un concreto sostegno al mercato, facendo sì che anche i prestiti, che in precedenza non avevano beneficiato di alcuna moratoria, possano ora beneficiarne.

Le Linee guida così come modificate dall’EBA per la gestione della crisi attuale, si applicheranno fino al 31 marzo 2021 e includono ulteriori salvaguardie contro il rischio di un aumento indebito delle perdite non preventivato nel bilancio delle banche.

D’altro canto, al fine di evitare che le esposizioni in oggetto divengano inadempienze probabili comportando così il sorgere di un circolo vizioso per il mercato, gli enti creditizi sono tenuti a documentare all’Autorità nazionale competente i propri piani di valutazione sulla concessione di moratorie.

Gianluca Pappacena – g.pappacena@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
L’assenza di preventivo non esclude il diritto al compenso dell’avvocato

L’impatto dell’emergenza sanitaria non cessa di provocare i suoi effetti ed il tema è noto all...

Coronavirus

Collegio Sindacale: non indugiare, agisci!

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 323 del 31 dicembre 2020 è stato pubblicato il D.L. n. 183 del 31 dicem...

Coronavirus

Mario Valentino vs. Valentino

Il 31 dicembre 2020 è entrato in vigore il Decreto-Legge n. 183 (cd. “Decreto Milleproroghe”) i...

Coronavirus

X