Il Manuale Utente delle comunicazioni oggettive

Misure antiriciclaggio minime e supplementari per i Paesi terzi

In data 14 maggio, è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale dell’Unione europea il Regolamento (UE) 2019/758 del 31 gennaio 2019 (il “Regolamento”) che integra la Direttiva (UE) 2015/849 (“IV Direttiva Antiriciclaggio”) per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per l’azione minima e il tipo di misure supplementari che gli enti creditizi e gli istituti finanziari devono intraprendere per mitigare il rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo in taluni Paesi terzi.

La IV Direttiva Antiriciclaggio impone agli enti creditizi e agli istituti finanziari di individuare, valutare e gestire il rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo cui sono esposti a livello di gruppo, in particolare qualora abbiano stabilito succursali o filiazioni controllate a maggioranza in Paesi terzi o stiano considerando tale ipotesi.

Vi sono, tuttavia, situazioni in cui un gruppo gestisce succursali o filiazioni controllate a maggioranza situate in un Paese terzo (“Succursali o Filiazioni”) il cui ordinamento non consente l’attuazione di politiche e procedure a livello di gruppo in materia antiriciclaggio. Questo può avvenire, ad esempio, quando la legislazione relativa alla protezione dei dati o al segreto bancario del Paese terzo limita la capacità del gruppo di accedere alle informazioni sui clienti delle Succursali o Filiazioni di detto Paese, di trattare tali informazioni e di scambiarle.

In tali situazioni, sono necessarie politiche e procedure supplementari e specifiche azioni minime per gestire efficacemente il rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo. Tali politiche e procedure supplementari potrebbero includere l’ottenimento del consenso dei clienti, cosa che può servire a superare certi ostacoli giuridici all’applicazione delle politiche e procedure a livello di gruppo in materia antiriciclaggio nei Paesi terzi in cui le altre opzioni sono limitate.

In particolare, gli enti creditizi e gli istituti finanziari dovrebbero (oltre valutare il rischio a livello di gruppo e garantire che tale rischio sia preso in considerazione nelle politiche e procedure) adottare le seguenti misure supplementari (art. 8 del Regolamento):

  • – provvedere a che le loro Succursali o Filiazioni offrano solo prodotti e servizi finanziari che, per natura e tipo, presentino un basso rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo e abbiano una bassa incidenza sull’esposizione al rischio del gruppo;
  • – provvedere a che gli altri soggetti dello stesso gruppo non si basino sulle misure di adeguata verifica della clientela prese da una Succursale o Filiazione, ma attuino invece misure di adeguata verifica nei confronti di ogni cliente di una Succursale o Filiazione che desideri avvalersi di prodotti o servizi di tali altri soggetti dello stesso gruppo;
  • – effettuare verifiche rafforzate, comprese, qualora ciò sia commisurato al rischio associato all’operatività della Succursale o Filiazione, verifiche in loco o audit indipendenti, per accertare che la Succursale o Filiazione individui, valuti e gestisca efficacemente i rischi di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo;
  • – provvedere a che le loro Succursali o Filiazioni chiedano l’autorizzazione dell’alta dirigenza dell’ente creditizio o dell’istituto finanziario per l’instaurazione e il mantenimento di rapporti d’affari a più alto rischio o per l’esecuzione di un’operazione occasionale a più alto rischio;
  • – provvedono a che le loro Succursali o Filiazioni determinino l’origine e, ove applicabile, la destinazione dei fondi da utilizzare nel quadro del rapporto d’affari o dell’operazione occasionale;
  • – provvedere a che le loro Succursali o Filiazioni svolgano un controllo continuo e rafforzato del rapporto d’affari, compreso un controllo rafforzato delle operazioni, fino a quando siano ragionevolmente certe di comprendere il rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo legato al rapporto d’affari;
  • – provvedere a che le loro Succursali o Filiazioni condividano con essi le informazioni sottese a una segnalazione di operazione sospetta, sulla base delle quali si è appreso, si sospetta o si hanno ragionevoli motivi di sospettare una tentata o avvenuta operazione di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo. Fra tali informazioni possono figurare fatti, operazioni, circostanze e documenti su cui sono basati i sospetti, comprese informazioni personali nella misura in cui ciò è possibile ai sensi dell’ordinamento del Paese terzo;
  • – svolgere un controllo continuo e rafforzato di tutti i clienti e, ove applicabile, di tutti i titolari effettivi dei clienti di una Succursale o Filiazione, noti per essere stati oggetto di segnalazioni di operazioni sospette da parte di altri soggetti dello stesso gruppo;
  • – provvedere a che le loro Succursali o Filiazioni siano dotate di sistemi e di controlli efficaci per individuare e segnalare le operazioni sospette;
  • – provvedono a che le loro Succursali o Filiazioni tengano aggiornati e conservino in luogo sicuro, il più a lungo possibile compatibilmente con la legge applicabile e in ogni caso almeno per la durata del rapporto d’affari, il profilo di rischio e le informazioni sull’adeguata verifica dei loro clienti.
  • Claudio Saba – c.saba@lascalaw.com
  • © RIPRODUZIONE RISERVATA
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Il Manuale Utente delle comunicazioni oggettive

In un contesto di costante mutamento normativo a livello europeo, anche il Governo italiano si adegu...

Antiriciclaggio

Dati statistici della UIF sulle SOS

In data 30 settembre 2019, l’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia (“UIF”) ha pubb...

Antiriciclaggio

Le preoccupazioni del Parlamento europeo sul Registro dei titolari effettivi

Il Parlamento europeo si ritiene “preoccupato” per la mancata adozione nei termini, da parte deg...

Antiriciclaggio