Vigilanza

Market abuse e attività degli enti creditizi: nuove Question and Answers dell’ESMA

Si rende noto che in data 9 novembre u.s. la European Securities and Markets Authority (ESMA) ha pubblicato un sintetico documento ESMA/2015/1635 formato da Q&A (Question and Answers) in materia di market abuse e attività degli enti creditizi.

Il documento è volto a garantire un adeguato livello di armonizzazione fra le normative nazionali di recepimento della disciplina europea, nonché la convergenza nell’attività di vigilanza eseguita dalle autorità nazionali competenti.

Il Q&A, in particolare, manifesta l’esigenza di dare piena e immediata disclosure anche agli assessment sul Secondo Pilastro – segnatamente agli esiti dell’attività di “Revisione e Valutazione Prudenziale”, come disciplinata dalla Direttiva 2013/36/UE (cosiddetta CRD IV) – salvo una delle cause di legittimo ritardo sia applicabile ai sensi della Market Abuse Directive. Fermo il principio secondo cui, in ogni caso, detta comunicazione al pubblico è necessaria solo ove le informazioni derivanti dall’attività di “Revisione e Valutazione Prudenziale” siano: precise, non pubbliche e price sensitive, ai sensi della normativa applicabile.

Da quanto sopra, si evince chiaramente quanto resti delicato il tema della riconducibilità di una determinata informazione nell’alveo delle c.d. “informazioni privilegiate” ai sensi della normativa in materia di Market Abuse. Tema che, naturalmente, si traduce in ulteriori oneri di Compliance a carico dagli emittenti.

18 novembre 2015

Luca Bettinelli l.bettinelli@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Lo scorso 29 gennaio, in risposta alle questioni emerse a seguito della pandemia da Covid-19, l’EB...

Coronavirus

Mario Valentino vs. Valentino

In data 20 gennaio 2021, Banca d’Italia ha sottoposto a pubblica consultazione lo schema di Dispos...

Vigilanza

European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

A decorrere dal 1° gennaio 2021 è entrata in vigore la nuova definizione di default contenuta nell...

Vigilanza

X