Corporate

L’offerta della quota in prelazione: indicazione del terzo acquirente

La Cassazione con una sentenza tutt’altro che chiara ed immediata quanto ad interpretazione (se non alto perché non precisa tutte le circostanze anche fattuali e gli “antefatti” al giudizio dedotte dalle parti nel corso del giudizio, ovvero ad es. se trattasi di s.r.l. o di s.p.a., se il terzo acquirente fosse un altro socio della società, etc.), la n. 4999 dell’11 ottobre 2012, afferma che è da intendersi sostanzialmente legittima l’offerta in prelazione fatta al socio ancorchè non indichi il nominativo del terzo acquirente in quanto “fatta con valore di proposta ed in maniera tale da mettere il prelazionario (i.e. promissario) in condizioni di esercitare il suo diritto” “sol se se si consideri che la lamentata indeterminatezza dell’oggetto della medesima certamente non sussiste essendosi il D. detto disponibile a vendere l’intersa sua quota o parte di essa (rimettendo così alla volontà del soggetto cui è diretta la proposta la scelta sulla quantità di azioni da acquistare) e non essendo stato però indicato alcun nominativo del terzo, che evidentemente all’epoca non era stato ancora individuato proprio in considerazione della priorità che era stata offerta all’A”.

Ciò premesso, la sentenza sopra menzionata precisa però che la prelazione convenzionale conferisce un “diritto di natura obbligatoria (e non reale), non opponibile ai terzi, la cui violazione non comporta un potere di riscatto, ma esclusivamente il rimedio del risarcimento del danno”, che spetta al promissario (prelazionario) solo quando il patto di prelazione risulti definitivamente inadempiuto (v. però a riguardo anche Cass. 17328/2008).

(Maria Giulia Furlanetto – m.furlanetto@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
L’interesse è concreto. Se non ripeti, che interesse c’è?

Il Ministero dello Sviluppo Economico (“MISE”) ha finalmente definito le misure attuative per ot...

Corporate

Collegio Sindacale: non indugiare, agisci!

Affinché possa configurarsi la responsabilità solidale dei sindaci di cui all’art. 2407 c.c. per...

Corporate

Omessa dichiarazione: per la punibilità del prestanome è necessario che questi persegua il dolo specifico

La delibera di scioglimento anticipato della società, adottata con il voto determinante del socio d...

Corporate

X