Diritto Processuale Civile

L’interesse dello Stato prevale sul creditore rispetto al bene confiscato, ma solo prima dell’aggiudicazione

Cass., 16 ottobre 2013, Sez. VI, n. 23428 (leggi la sentenza per esteso)

La Suprema Corte con sentenza 23428/13 depositata il 16 ottobre 2013 ha statuito che nel conflitto

tra l’interesse del creditore a soddisfarsi sull’immobile ipotecato e quello dello Stato a confiscare i beni, che siano frutto o provento di attività mafiosa, debba prevalere il secondo.

La Corte di Cassazione nella citata sentenza afferma che ai sensi della Legge 31 maggio 1965 n. 575 allo Stato è inopponibile l’ipoteca iscritta su di un bene immobile confiscato prima che ne sia pronunciata l’aggiudicazione nel procedimento di esecuzione forzata in virtù della norma prevista dall’art. 1 comma 194 della Legge 24 dicembre 2012 n. 228.

(Tiziana Allievi – t.allievi@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
La parte deve partecipare personalmente alla mediazione

”In caso di avvenuta sospensione dell’esecuzione ex art. 624 c.p.c., atteso l’effetto estintiv...

Diritto Processuale Civile

Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

Il deposito in cancelleria di una copia analogica del ricorso, il quale sia stato predisposto in ori...

Diritto Processuale Civile

L’inerzia dell’aggiudicatario paga!

Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione risolvono un conflitto tra le ...

Diritto Processuale Civile

X