Contratti Bancari

Legittimo il preavviso di revoca anche in caso di richiamo dell’assegno

Tribunale Pordenone, 26 giugno 2015

Si segnala ai lettori di Iusletter l’ordinanza resa dal Tribunale di Pordenone in data 26.06.2015, nell’ambito di un procedimento cautelare nel quale lo Studio ha assistito un istituto di credito.

Parte ricorrente aveva adito l’autorità giudiziaria, sostenendo che la banca avrebbe tenuto un comportamento illegittimo, per aver avviato nei suoi confronti la procedura di iscrizione nella Centrale d’Allarme Interbancaria; per tale ragione, il correntista, avendo ricevuto il preavviso di revoca di cui all’art. 10 bis Legge 386/90, chiedeva al Giudice di voler sospendere la predetta iscrizione prima che diventasse effettiva.

Esponeva il ricorrente di aver tratto un assegno quale controprestazione per l’opera resa in suo favore da un soggetto, dal quale tuttavia si avvedeva subito dopo di essere stato truffato. Il medesimo, quindi, avvisava la banca e, dopo aver sporto denuncia, richiamava l’assegno oggetto di causa. Pur avendo preso atto della denuncia, l’istituto di credito si vedeva costretto a rispettare le norme di legge rendendo impagato l’assegno ed avviando, quindi, la procedura di iscrizione in C.A.I. La banca, però, aveva cura di indicare alla negoziatrice e nella propria procedura interna la motivazione del mancato pagamento con la corretta causale ossia “(Difetto di provvista ex art. 2, legge  386/1990)  Assegno  dotato  di copertura,  emesso  dal  un  correntista  che  ha impartito  alla  banca  l’ordine  di  non  pagare  prima  della  scadenza  del  termine di presentazione”.

Il Tribunale di Pordenone, alla luce della condotta tenuta dal prenditore dell’assegno nonché del pericolo di pregiudizio insito nella stessa iscrizione in C.A.I., ha accolto la richiesta di sospensione del ricorrente, ma ha incidentalmente osservato che la condotta tenuta dalla banca non appare censurabile, essendosi la stessa attenuta alle disposizioni di legge vigenti in materia.

13 luglio 2015

Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Sono molte le questioni affrontate dalla sentenza in commento, resa dal Tribunale di Pistoia all’e...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

La centralità di un corredo probatorio, volto a dimostrare la fondatezza delle pretese giudizialmen...

Contratti Bancari

Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

La Cassazione, con l’ordinanza in esame, ha consolidato il principio processuale secondo cui, nel ...

Contratti Bancari

X