I legami della convivenza rendono regolare la notifica

I legami della convivenza rendono regolare la notifica

E’ regolare la notifica anche se ricevuta da un famigliare convivente del destinatario. La Cassazione interviene così sul perfezionamento della notifica.

La vicenda in esame aveva visto una società presentare ricorso in Cassazione avverso la sentenza pronunciata dalla Corte di Appello di Brescia, la quale si era pronunciata in favore di Autostrade per l’Italia S.p.A. sulla controversia avente ad oggetto il pagamento di lavori di manutenzione appaltati a quest’ultima.

La ricorrente in Cassazione aveva proceduto scientemente a notificare il ricorso oltre il termine prescritto dall’art. 327 c.p.c., eccependo la nullità della notifica dell’atto di impugnazione in appello effettuata da Autostrade.

In particolare, la società, soccombente in appello, contestava la regolarità della notifica dell’atto di impugnazione effettuata dalla controparte a mezzo posta in un luogo diverso dalla sede legale della società, in persona della figlia del titolare.

La Suprema Corte ha rigettato le rimostranze della società ribadendo la regolarità della notifica effettuata, in ragione del fatto che la notificazione si è perfezionata in quanto ricevuta dalla figlia del destinatario dichiaratosi convivente, come comprovato dalla relata.

Come noto, infatti, il Collegio ha ribadito che quanto riportato nella relata dall’agente postale può essere contesto solo con querela di falso, e che pertanto l’attestazione posta da quest’ultimo sulla relazione di notifica legittima una presunzione semplice di conformità al vero su quanto dichiarato, che spetta al destinatario sovvertire con prova contraria.

Da tali premesse, i Giudici si sono pronunciati dichiarando la regolarità della notifica dell’atto di appello effettuata, escludendo la ricorrenza dei presupposti per l’applicazione dell’art. 327 c.p.c., comma 2 c.p.c. in tema di nullità della notifica, dichiarando il ricorso proposto inammissibile.

Cass., Sez. II Civ., 3 giugno 2019, ordinanza n. 15108

Gianluca Pappacena – g.pappacena@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
PCT e deposito tempestivo...occhio alla consegna!

Nell'ambito del processo civile telematico, il deposito degli atti processuali mediante posta elettr...

Diritto Processuale Civile

Appello, la legittimazione che giustifica la nuova documentazione

È sempre consentita la produzione di nuove prove in appello, quando volte a dimostrare la legittima...

Diritto Processuale Civile

Riattivazione del processo di notificazione, attenzione agli incidenti di percorso

E’ necessaria la tempestiva riattivazione del procedimento notificatorio, nell'ipotesi in cui la n...

Diritto Processuale Civile