Contratti Bancari

Le caratteristiche del conto corrente di corrispondenza

Cass., 5 dicembre 2011, Sez. I, n. 25943

Massima: “Il conto corrente di corrispondenza è caratterizzato dall’esplicazione di un servizio di cassa, in relazione alle operazioni di pagamento o di riscossione di somme da effettuarsi, a qualsiasi titolo, per conto del cliente e la disponibilità sul conto può essere costituita con versamento di somme, con accrediti sul conto od anche con intervento da parte della banca che può assumere il carattere di un’apertura di credito in senso proprio o di una concessione temporanea di credito il quale costituisce, nella complessità del rapporto, una prestazione accessoria rispetto a quella principale di mandato, non eccedente dai relativi limiti, né contraria ai principi di correttezza e buona fede. (Nella specie, in applicazione dell’enunciato principio, la S.C. ha confermato la sentenza di merito, che aveva riconosciuto il diritto della banca, ed il conseguente obbligo dei correntisti, alla restituzione delle somme anticipate per dare esecuzione ad ordini di pagamento allo scoperto, da intendersi effettuati nello svolgimento del mandato).” (leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

“In ordine alla dedotta incompletezza della documentazione fideiussoria sottoscritta, l’importo ...

Contratti Bancari

La cessionaria di crediti in massa assolve il proprio onere probatorio producendo in giudizio l’av...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

L’invito alla lettura cade in questo numero sulla sentenza del Tribunale di Torino del 31.12.2020,...

Contratti Bancari

X