Contratti

L’azione di reintegrazione in caso di detenzione

Cass., Sez. VI, 25 settembre 2015, n. 19114 (leggi la sentenza)

La Corte di Cassazione, sez. VI Civile -2, con ordinanza 9 luglio – 25 settembre 2015, n. 19114 ha ricordato che l’esercizio dell’azione di reintegrazione contro l’autore dello spoglio è consentito dall’art. 1168 c.c., secondo comma, cod. civ. anche al “detentore qualificato”, a colui, cioè, che esercita il potere di fatto sulla cosa altrui con l’intenzione di tenerla a propria disposizione in virtù di un diritto personale.

Poiché la posizione “lato sensu” possessoria del detentore non ha un’estensione oggettiva pari a quella del possesso “stricto sensu“, tale da prescindere dal vincolo obbligatorio che ne concreta e delimita il fondamento, il giudice del merito, a fronte delle contestazioni dell’intimato, ai fini del riconoscimento della tutela possessoria, deve procedere all’accertamento del rapporto obbligatorio e dalla verifica che l’attività, contestata dal preteso autore dello spoglio, rientri nell’ambito della detenzione consentita da quel rapporto.

6 ottobre 2015 

Walter Pirracchio – w.pirracchio@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Vado a stare da papà

La condotta del conduttore è motivo di abuso di bene locato se rinviene da atti molesti volti a rec...

Contratti

In questi ultimi mesi non sarà sfuggito ai lettori il nostro intento di seguire l’evolversi della...

Contratti

La Corte di Cassazione ha statuito che le spese legali dovute dal danneggiato/cliente al proprio av...

Contratti

X